[re:jazz] – Kaleidoscope

[re:jazz] - Kaleidoscope: Quinto album in studio per i tedeschi [re:jazz] in dieci anni di onorata carriera. La band di Francoforte capitanata dal...

[re:jazz] – Kaleidoscope

Quinto album in studio per i tedeschi [re:jazz] in dieci anni di onorata carriera. La band di Francoforte capitanata dal dj e pianista jazz Matthias Vogt esce dal solito canone di riproposizione in chiave jazz di brani conosciuti, per passare a proporre invece validissimi brani inediti.

Il jazz dei [re:jazz] √® una carezza che ti sfiora, il caldo bacio di un’amante da accarezzare, il soffice tocco del cuscino nei tuoi giorni peggiori, un sicuro porto pieno di melodia e dolci sensazioni. Anche la produzione cambia, poich√© √® stata affidata ad Axel Reinemer, dei Jazzanova, altro gruppo molto importante del panorama jazz moderno. Reinemer ha registrato il disco esclusivamente con strumenti analogici, per dare pi√Ļ profondit√† e potenza al suono, ed effettivamente l’album se ne giova molto; giustamente si intitola ‚Äú Kaleidoscope ‚Äú, poich√© racchiude al suo interno una miriade di colori e gusti diversi, a partire dalla splendida voce di Mediha, la nuova cantante del gruppo, dopo la partenza di Inga Luhning nell’anno passato. Mediha ha una voce incredibilmente vellutata e al contempo potente, davvero ottima per i [re:jazz]. Si spazia in diversi territori, come nell’acid jazz dei primi anni novanta di ‚ÄúDon’t push your luck‚ÄĚ con N’Dea Davenport, voce dei Brand New Heavies, che ci riporta a quell’epoca di intensi cambiamenti, con una traccia di gran classe. Ci sono molti altri ospiti nel disco, come il trombettista Studnitzky, che suona in tre tracce. Ma a mio avviso il pezzo migliore del gi√† bellissimo album √® ‚Äú Tears ‚Äú, una cover di Frankie Knucles e della divina voce di Robert Owens. Qui Vogt tira fuori la sua anima house, dato che lui √® anche un produttore di tracce house per l’etichetta newyorchese Saw Recordings di Stoshi Tomiie, il produttore di ‚ÄúTears‚ÄĚ: originale, a volte il mondo √® piccolo. Le altre splendide cover sono ‚ÄúMiss you‚ÄĚ di Trentmoller e
‚ÄúLambic 9 poetry‚ÄĚ di Squarepusher. ‚ÄúKaleidoscope‚ÄĚ √® splendido, un inno al jazz, alla sua modernit√† prorompente e alla sua soffice bellezza senza eguali. Personalmente ritengo che i [re:jazz] con questo album abbiano fatto un notevole passo in avanti, affrancandosi totalmente dal ruolo di cover band, per render chiaro a tutti che sono uno dei migliori gruppi jazz del mondo, e con questo disco lo capirete, risentendolo moltissime volte.

[re:jazz]-Kaleidoscope

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

LES LULLIES – MAUVAISE FOI

A cinque anni dal fragoroso album di debutto omonimo (un ruspante affresco di dieci episodi di veloce garage punk senza fronzoli) i francesi Lullies tornano sulle scene con un nuovo disco, “Mauvaise Foi” (Bad Faith) uscito, a fine maggio, sempre su Slovenly Rercordings.Il secondo Lp

Banchetto cuore delle bands

Oggi vi voglio parlare di una argomento che a me sta particolarmente a cuore facendo parte di quelli che la musica anche la fanno ( ci proviamo se non altro) .

Alberica Sveva Simeone – The wormcave

Primo romanzo della scrittrice romana Alberica Sveva Simeone per le edizioni Plutonia Publications dello scrittore e ottimo divulgatore del fantastico con il suo podcast Plutonia Publications.