iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Sùr – Brainshift

Attendiamo i Sùr alla prova sulla lunga distanza augurandoci che possano ulteriormente incrementare la qualità ragguardevole già raggiunta con “Brainshift”.

Sùr – Brainshift

Decisamente interessante questo esordio dei Sùr, i quali con questo EP di quattro tracce ci propongono un alternative rock dal notevole impatto sonoro ed emotivo.

La band astigiana, pur essendo di recente formazione (2010), dopo un’intensa attività live ed i successi ottenuti in diverse competizioni, ha bruciato le tappe trovando nella TDMC Records l’etichetta in grado di fornire il necessario supporto per la realizzazione della prima uscita discografica.
Nell’iniziare l’ascolto del disco non si può ignorare quanto abbia influito dal punto di vista compositivo, nei confronti dei tre ragazzi piemontesi, una delle band che più di altre ha lasciato la propria impronta nella musica dagli anni ’90 in poi, ovvero i Tool.
L’iniziale Tales From The End Of Time ci avvolge subito con la sua alternanza tra atmosfere rarefatte e sfuriate elettriche, mentre con la successiva Watersong, I Sùr raggiungono l’apice con un altro brano altalenante tra rabbia e distensione; la successiva Obsolescence è segnata dai tre minuti finali di assalto sonoro mentre Like Witches chiude il lavoro mantenendone inalterato il buon livello.
Perdonando a un gruppo esordiente la suddetta contiguità alla band di Maynard James Keenan, l’EP conserva una sua omogeneità di fondo che va parzialmente a discapito della varietà stilistica e, volendo a tutti i costi scovare qualche altro aspetto sul quale focalizzare l’attenzione , si nota che il meglio arriva quando vengono sprigionati tutti i decibel e Dimitrij spinge la propria voce verso tonalità più rabbiose.
Questo lavoro non deluderà di certo chi ha amato “Lateralus”, “10.000 Days” e le uscite dalle tinte più oscure risalenti alla stagione del grunge; da parte nostra, attendiamo con impazienza i Sùr alla prova sulla lunga distanza augurandoci che possano ulteriormente incrementare la qualità ragguardevole già raggiunta con Brainshift.

Tracklist:
1. Tales (From The End Of Time)
2. Watersong
3. Obsolescence
4. Like Witches

Line-up:
Dimitrij Bonzo – voce, chitarra
Andrea Moio – basso
Giulio Serra – batteria

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Noctu – Super Illius Specula

Super Illius Specula è probabilmente il punto più alto raggiunto finora da un musicista come Noctu, in grado di offrire oggi un doom estremo tra i più avvincenti e, allo stesso tempo, meno scontati in ambito nazionale.

Angmodnes – Rot of the Soul

Rot of the Soul è un album che conferma le qualità mostrate negli ultimi anni da parte degli Angmodnes, trattandosi di un lavoro di grande consistenza e molto curato nella sua resa sonora nonché un’esibizione di spiccata creatività compositiva, sintomatica del desiderio da parte della band olandese di non appiattire il proprio sound sulle posizioni già acquisite.

Post Luctum – Seasons Greavings

Se dal punto di vista musicale l’ep risulta davvero efficace e vario, avvicinandosi in certi frangenti ai mai abbastanza lodati Daylight Dies, fondamentalmente appare più ritmato e incalzante rispetto ai quanto offerto dai Post Luctum nei due ottimi full length realizzati in precedenza.