iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Stain – Kindergarten Part II

Le sei canzoni  presenti hanno quel senso di nouvelle vague tipico dell’indie americano più di avanguardia degli anni duemila, quell’inadeguatezza tra l’essere giovani o più maturi, quel gioco continuo di rimandi fra memoria e vita presente.

Stain – Kindergarten Part II

Le sei canzoni  presenti hanno quel senso di nouvelle vague tipico dell’indie americano più di avanguardia degli anni duemila, quell’inadeguatezza tra l’essere giovani o più maturi, quel gioco continuo di rimandi fra memoria e vita presente.

Terzo disco per i baresi Stain, seguito del disco precedente e sempre autoprodotto. Gli Stain sono nati nel 2016 e stanno compiendo un’evoluzione tuttora in atto, un cammino che non si ferma mai e che trova sempre nuova linfa in nuove canzoni che non si ripetono mai.

Gli Stain hanno registrato i due dischi in un asilo degli anni trenta, da qui il titolo e anche il motivo ricorrente di nuovo e vecchio che si incontrano fino a compenetrarsi totalmente. Il suono del quartetto pugliese è assai particolare nel senso che riesce a connettere insieme istanze diverse, è al contempo nervoso e caloroso, un qualcosa dell’emo e dell’indie anni novanta con tanta elettronica che però non prende mai il sopravvento e si amalgama benissimo con il resto.

“Kindergarten Part II” è un lavoro nato in due mesi chiusi in questo asilo, una condizione nuova per il gruppo che ha così prodotto musica differente rispetto a prima, dal respiro ancora più internazionale rispetto al primo che era stato presentato ed apprezzato al Sziget Festival di Budapest. I suoni qui si fanno più incalzanti ma anche dolci, più nervosi ed incisivi, maggiormente sentiti e vissuti.

Le sei canzoni  presenti hanno quel senso di nouvelle vague tipico dell’indie americano più di avanguardia degli anni duemila, quell’inadeguatezza tra l’essere giovani o più maturi, quel gioco continuo di rimandi fra memoria e vita presente.

Il risultato è un ep della giusta durata pieno di idee e di un suono molto originale e personale, mai copiato, dall’alta valenza artistica e musicale che rende gli Stain uno dei gruppi italiani più interessanti e anche spendibili all’estero, grazie al loro suono complesso e semplice al contempo, per un ascolto sempre particolare e mai simile a quello precedente.

 

Stain

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Merak - Sopho(s)more

Merak – Sopho(s)more

Esplora il secondo EP di Merak – Sopho(s)more e lasciati travolgere dalla loro musica new wave e psych grunge. Corrosiva e avvincente!

Blocco Nero – Cronache

A distanza di dieci anni dall’ultima apparizione discografica torna il Blocco Nero, una delle più interessanti avventure musicali degli ultimi anni. Il Blocco Nero tornano con “ Cronache” un disco che racchiude 8 canzoni che sono otto date importanti per la storia italiana e non

Morta Skuld – Creation undone

Morta Skuld: un disco che pareggia e forse supera le uscite migliori della loro gloriosa carriera, death metal senza compromessi alla carica sempre.