Split Heaven – Death Rider

Split Heaven – Death Rider

Torna dall'oltretomba il pistolero messicano, grilletto facile, nessuna pietà e tanto heavy metal.

Torna dall’oltretomba il pistolero messicano, grilletto facile, nessuna pietà e tanto heavy metal.

Gli Split Heaven sono una metal band molto conosciuta in patria, con tanto di mascotte maideniana (il pistolero in copertina) ed una già nutrita discografia.
Attivo dai primi anni del nuovo millennio, il gruppo messicano arriva con questo ottimo Death Rider al quarto full length, dopo l’esordio licenziato nel 2008 (Psycho Samurai) ed un paio di lavori molto apprezzati nell’underground metallico, Street Law del 2011 ed il precedente The Devil’s Bandit, uscito tre anni fa.
Il nuovo lavoro porta con sé un’importante novità: l’entrata nel gruppo del vocalist Jason Conde-Houston, sostituto di Giancarlo Farjat, singer sul precedente lavoro.
Death Rider continua la tradizione della band, il cui sound mantiene tutte le qualità di un heavy speed metal, influenzato tanto dalla new wave of british heavy metal, quanto dal U.S. metal, con chitarre che si lanciano in solos sempre ben in evidenza, sezione ritmica potente ed elegante ed un vocalist dalla timbrica old school, che non mancherà di fare proseliti tra i più legati alla tradizione.
Death Rider è composto da un lotto di brani coinvolgenti, che alternano cavalcate maideniane, rasoiate speed che possono ricordare i Primal Fear e l’eleganza tutta americana di band come gli Helstar.
Il nuovo singer si guadagna la pagnotta con una performance di qualità, anche se sono le chitarre che nell’album fanno la differenza (Carlo “Taii” Hernandez e Armand Ramos), due pistole che sparano proiettili metallici senza soluzione di continuità.
L’album ha nelle bellissime trame metalliche della title track, di Battle Axe, di Sacrifice e di Talking With The Devil, ottimi esempi di come si possa ancora suonare heavy metal tradizionale, risultando freschi e convincenti.
Se siete amanti dell’heavy metal classico, non perdetevi questo ottimo lavoro.

TRACKLIST
1. Death Rider
2. Awaken the Tyrant
3. Battle Axe
4. To The Fallen
5. Speed Of The Hawk
6. Ghost Of Desire
7. Sacrifice
8. Talking With The Devil
9. Descarga Letal
10. Destructor

LINE-UP
Jason Conde-Houston – vocals
Carlo “Taii” Hernandez – guitars
Tomas Roitman – drums
Armand Ramos – guitars

SPLIT HEAVEN – Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

RIBBON STAGE – HIT WITH THE MOST

Avevamo già parlato, l’anno scorso, delle Ribbon Stage, terzetto newyorchese a trazione femminile (“Anni Hilator” al basso e voce e “Jolie M-A” alla chitarra e cori, coadiuvate da Mari Softie alla batteria) autore di un indie/noise pop che profuma deliziosamente di (altri) anni Ottanta, quelli di compilation come “C86”, e che avrebbe fatto la fortuna di etichette come la Sarah Records.

Tempo di vivere, tempo di morire di Erich Maria Remarque, edito da Mondadori

Tempo di vivere, tempo di morire di Erich Maria Remarque

Il soldato Graeber, protagonista di questo romanzo, per certi aspetti ricorda i protagonisti di Niente di nuovo sul fronte occidentale con i quali ha in comune la coscienza dell’orrore della guerra; vive la sua disperata avventura nella tragica desolazione delle pianure russe dov’è stato gettato a combattere, e tra le macerie della Germania nazista.

GIALLO #3 E BUDDIES #1

GIALLO #3 E BUDDIES #1

Qualche giorno fa arriva un pacco bel fornito  dalla Leviatan Labs. Conteneva il terzo capitolo di Giallo il primo capitolo di Buddies..