Slaves Of Love And Bones – Real Fake Music Ep

Slaves Of Love And Bones – Real Fake Music Ep

Il Suono dei S.o.l.a.b. è molto originale e si potrebbe definire un elettro rock con sfumature ebm, che lo rendono davvero poco comune.

Elettronica lasciva e molto godereccia per questo gruppo di Avellino nato nel 2013. Il suo primo lavoro è un concept album dal titolo Liar, che gli permette di guadagnare molti palchi regionali e poi anche fuori dalla Campania.

L’incontro con Francesco Tedesco è molto importante, poichè Tedesco è il boss della I Make Records, che produce questo ep. Il suono degli Slaves Of Love And Bones è molto originale e si potrebbe definire un elettro rock con sfumature ebm, che lo rendono davvero poco comune. I testi parlano di questa epoca oscura fatta di tecnologia che oscura i nostri rapporti personali e ci da falso benessere. Nella musica dei S.o.l.a.b. possiamo sentire un malinconico disagio che porta ad uno spleen novecentesco eppure ancora così attuale. Il gruppo avellinese firma un bel secondo disco, e anche la lunghezza dell’ep è quella giusta.

TRACKLIST
1. Everyday (rearranged from Buddy Holly)
2.Answers
3.Show
4.A Final Solution
5.Inside
6.The Endless And Beautiful Forms
7.This Is a Paradox

LINE-UP
Luca Criscuoli (Vocals)
Claudio La Sala (Guitar, Computer Programming)
Raffaele Caputo (Guitar, Synth)
Riccardo Iannaccone (Drum, Pad, Synth)
Daniele Ventola (Bass, Synth)

SLAVES OF LOVE AND BONES – Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

The HangeeS - Heading Back to the Good Valley

The HangeeS – Heading Back to the Good Valley

Stavo ascoltando i Monks, e a rifletterci mi sorge spontaneo un dubbio: cosa avrebbe pensato se invece dei monaci ci fossero stati sul piatto gli HangeeS con il loro nuovo disco la cui data di pubblicazione è il 2022?

RIBBON STAGE – HIT WITH THE MOST

Avevamo già parlato, l’anno scorso, delle Ribbon Stage, terzetto newyorchese a trazione femminile (“Anni Hilator” al basso e voce e “Jolie M-A” alla chitarra e cori, coadiuvate da Mari Softie alla batteria) autore di un indie/noise pop che profuma deliziosamente di (altri) anni Ottanta, quelli di compilation come “C86”, e che avrebbe fatto la fortuna di etichette come la Sarah Records.