Shrike – Sieben

Shrike - Sieben 1 - fanzine

Shrike – Sieben

Condividi:
Share

Per la sempre valida legge di Murphy o effetto boomerang, chiamatelo come volete, solo pochi giorni dopo aver lodato la scena black tedesca parlando degli Hangatyr, ecco il classico disco che arriva puntualmente a smentirmi, almeno in parte.

I berlinesi Shrike, al terzo full-length nonostante l’ingannevole titolo Sieben, propongono una mezz’ora di black neppure troppo convenzionale e costellato qua e là di qualche buona intuizione, ma la sensazione che resta alla fine dell’ascolto è quella di un progetto compositivo un po’ sconclusionato.
In Sieben, infatti, troviamo sia un ordinario black’n‘roll (Kreise, Shrike) sia sconfinamenti in territori doom e gotici senz’altro più efficaci e nel contempo originali (Die Farben der Sehnsucht), ma il tutto avviene in maniera farraginosa e le sonorità quasi da demo fanno sembrare il lavoro più un abbozzo che non un’opera finita.
Detto che, alla fine, i brani più vicini alla tradizionale scuola black teutonica sono inevitabilmente i migliori (Kadaver, Grimassen) non escludo che gli Shrike possano ricevere in eguale misura nette stroncature per il comparto produzione/tecnica esecutiva, alquanto naif, od elogi sperticati per il tentativo di non fossilizzarsi sui consueti schemi compositivi.
In realtà i dischi davvero brutti sono ben altra cosa e Sieben strappa almeno la sufficienza grazie al pregio di non essere pretenziosamente lungo e neppure particolarmente noioso, ma è anche vero che riesce difficile trovare buoni motivi per renderlo un ascolto abituale.

Tracklist:
1. Kreise
2. Kadaver
3. Shrike
4. Die Farben der Sehnsucht
5. Grimassen

Line-up:
Moe – Drums, Percussion, Vocals
Jul – Guitars
Uwe – Vocals
Xaver – Guitars
Fabi – Bass

SHRIKE – Facebook ‎‎

Condividi:
Share
Tags:
Stefano Cavanna
stefano@iyezine.com

Cresciuto per motivi anagrafici a pane e prog, a differenza di molti miei coetanei non passo il tempo a piagnucolare sostenendo "cosa vuoi sentire ora, quello che viene pubblicato ai giorni nostri è tutta spazzatura" ... Invecchiando ho allargato invece i miei orizzonti musicali e oggi sono essenzialmente un appassionato patologico di funeral/death doom, oltre che ascoltatore compulsivo di metal in ogni sua svariata forma, senza per questo disconoscere (ci mancherebbe altro) tutta la grande musica prodotta negli anni '70.

No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.