Sharon Van Etten – I Don’t Want To Let You Down

Sharon Van Etten – I Don’t Want To Let You Down

Sharon Van Etten, cantautrice americana con già quattro album e un bel po’ di belle collaborazioni all’attivo, ritorna, dopo l’ottimo disco dello scorso anno, con i cinque brani del breve I Don’t Want To Let You Down. Il disco, in uscita sempre per Jagjaguwar Records, espande il discorso di “Are We There”, proseguendo con il suo morbido pop/folk.

Il pop delicato di I Don’t Want To Let You Down, incentrato principalmente sulla linea melodica della voce (mentre gli strumenti alle spalle creano la direzione da seguire), introduce il pianoforte pacato e dolce dell’accogliente Just Like Blood.
I Always Fall Apart, invece, puntando al cuore con la sua emozionante raffinatezza, accarezza con la sua fragile malinconia, lasciando che a seguire sia lo spirito notturno, in lento crescere, della coinvolgente Pay My Debts (tastiere e basso a tenere con il fiato sospeso).
Tell Me, infine, pezzo registrato dal vivo, chiude il disco accompagnando con l’ariosa distensione che pian piano si sviluppa dalle sue note.

Per quanto mi riguarda, consigliare di ascoltare un ep è cosa abbastanza rara. In questo caso mi sento di farlo. I cinque pezzi racchiusi in questo I Don’t Want To Let You Down, sono pezzi di prima scelta che sarebbe un delitto perdersi. Sharon Van Etten continua ad avere stoffa e questo breve lavoro lo dimostra in pieno.

Tracklist:
01. I Don’t Want To Let You Down
02. Just Like Blood
03. I Always Fall Apart
04. Pay My Debts
05. Tell Me (Live)

SHARON VAN ETTEN – Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Memoriam – Rise to power

Atteso ritorno dei Memoriam, il gruppo death metal fondato dal cantante Karl Willetts ex dei Bolt Thrower  da Frank Healy bassista dei Benediction ed ex chitarrista dei Napalm Death, insomma la crema del death metal, coadiuvati molto bene da Scott Fairfax alle chitarre e Spike T. Smith alla batteria.

Cosa resta del duemilaventidue

  Un altro anno se n’è andato, portandosi dietro le scorie di dodici mesi costantemente vissuti al di sotto delle nostre possibilità, castrati da un contesto sociale che non riusciamo a modificare in alcun modo. I sogni anche per questa volta sono rimasti tali, immutati

Tropical Fuck Storm - Submersive Behaviour_cover

Tropical Fuck Storm – Submersive Behaviour

È qui e richiede attenzione, perché i Tropical Fuck Storm hanno dimostrato più volte di saper far bene, di saper maneggiare il rock (alternativo, indie, noise, quello che volete) meglio di tanti altri – ma direi di quasi tutti.

Luca Ottonelli

Luca Ottonelli. E’ nato a Genova nel 1969 e ho completato i primi studi artistici avendo come maestro di Figura G. Fasce.