Patrizio Fariselli – Antropofagia

Sono quasi quaranta gli anni che ci separano dalla pubblicazione di Antropofagia, il disco solista (estremamente sperimentale) di Patrizio Fariselli, storico tastierista dei fondamentali Area. Cramps Records, per l’occasione, ha deciso di ristampare il lavoro su cd, in modo tale da permettere a chiunque di poter riascoltare questo eccentrico e interessantissimo lavoro.

Patrizio Fariselli – Antropofagia 1 - fanzine

Roastbeef, adoperando armonici di chitarra a dodici corde e pianoforte preparato con chiodi, viti, mollette di legno, carta, sassi, catene, elastici di gomma, un rotolo di cotone idrofilo e una bistecca di manzo, singhiozza e pulsa fino a creare universi assurdi ed estremamente precari, mentre Scorie, definita da Fariselli stesso come “un modo d’uso, come altri possibili, delle trentadue note che L.V. Beethoven non ha ritenuto necessario usare per la famosa composizione Fur Elise”, crea sottili strati di tensione intervallati da improvvise voragini sonore.
46 Re-Blocks, composizione contenente esattamente quarantasei re-blocks (impatti di accordi registrati e lasciati risuonare nei due sensi del nastro magnetico), ci accompagna con il suo animo misterioso e cerebrale fino al rifacimento alla dinamica del respiro negli attimi antecedenti l’eiaculazione di In-Side-Out-Side.
Lenny Tristano, infine, improvvisazione fondata su tre elementi (l’uso prevalente della mano destra, il tocco estremamente fluido ed incisivo, l’uso prevalente del registro medio-basso e basso del pianoforte), apre alla “tortura” dello Steinway (preparato con viti, pezzi di legno, plastica, metallo, carta e grattato sulle corde con sassi) di Antropofagia, brano su cui si materializzano sullo sfondo (come fantasmi) due frammenti di “Pour en finir avec le jugement de dieu” di Antonin Artaud.

Antropofagia di Patrizio Fariselli è sicuramente un lavoro estremamente ostico e complicato da ascoltare, ma è anche una pietra miliare nel campo della sperimentazione e dell’improvvisazione. Il consiglio perciò non può che essere uno: ascoltatelo. Avvicinatevi a questo lavoro poco per volta, lasciandovi guidare da ogni singola nota e mettendo da parte tutte le idee e le certezze. Non ne rimarrete delusi.

Tracklist:
01. Roastbeef
02. Scorie
03. 46 Re-Blocks
04. In-Side-Out-Side
05. Lenny Tristano
06. Antropofagia

Avatar

Autore: Francesco Cerisola

Ho scritto per Musicboom (inutile che cerchiate il sito, non esiste più nulla, purtroppo), ho fatto alcuni mesi su Rockit e faccio parte della DreaminGorilla Records.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.