Oylokon – Life Belongs To Death

Oylokon – Life Belongs To Death

Il bello di muoversi nel variegato mondo dell’underground, in tutti i generi e, nello specifico, in quello metallico è il ritrovarsi, fortunatamente spesso, davanti a band ed opere sorprendenti, magari poco appetibili al grande pubblico ma di assoluta qualità e per questo ancora più affascinanti.

Nei generi estremi, in un paese da sempre poco ricettivo a tali sonorità come il nostro ma colmo di ottime realtà, non è poi così difficile impattare in album e band fino a poco tempo prima sconosciuti che, con la loro musica entrano nelle viscere dell’ascoltatore, stupito, affascinato e rapito da queste opere.
Un’altro esempio di tutto ciò è Life Belongs To Death dei salernitani Oylokon, esordio autoprodotto messo nelle sapienti mani del Mazzarella Press Office per la gestione e divulgazione del prodotto ai media.
Death metal oscuro e maligno, ritmiche thrash ed un originalissimo sentore di Industrial, conferito dalla drum machine, mai così ben assemblata tra i solchi di questa raccolta di brani che, partendo da una forte impronta tipicamente death, viene appunto contaminata e resa attuale da sonorità marziali, rendendo il sound un macigno di musica estrema potentissima.
Si alternano in questo lavoro brani dall’andamento classico a bellissime canzoni dalle atmosfere oscure, drammatiche, sofferte e apocalittiche con picchi davvero entusiasmanti: il duo composto da Reinblood alla voce e Runes, alle prese con chitarra e basso, viaggia toccando un bel po’ di generi, tutti racchiusi sotto la bandiera del death/thrash, ma non solo.
Le sorprese in Life Belong To Death sono dietro l’angolo e tra brani di veloce thrash oscuro come Perpetual Prayer o la seguente Mass Perfection, ed altri cadenzati e marziali (No One Turns Back) troviamo capolavori come Next Death e Thornless, dalle sonorità death/dark che ricordano i primi Tiamat, orchestrazioni e sinfonie di oscuro metallo dove il vocalist lascia il growl vero e proprio per avvicinarsi alla stile dell’immenso Johan Edlund.
Album bellissimo, Life Belongs To Death riesce nell’impresa di essere estremamente originale nel suo andamento: il death/thrash di scuola europea (Morgoth e Kreator), le orchestrazioni oscure dei Tiamat e la marzialità ritmica che, oltre ad accenni industrial, mi ha ricordato i Satyricon di “Now, Diabolical”, compongono e impreziosiscono il sound personalissimo creato dal duo.
Una band del genere deve assolutamente trovare un’etichetta che la supporti, l’autoproduzione di un album di questa qualità è peccato mortale.

Tracklist:
01- Cenotaph
02- Against Worms
03- Perpetual Prayer
04- Mass Perfection
05- No One Turns Back
06- Dry The Sea
07- The Black At My Back
08- Pick Up Your Head
09- Next Death
10- Between My Teeth
11- Thornless
12- Godfree
Line up:
Runes . guitar, bass
Reinblood – vocals

OYLOKON – Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Mudhoney, ad aprile il nuovo album. Condiviso il primo singolo

Dopo un silenzio discografico durato quattro anni (escludendo split singles e la ristampa espansa del 2021 per il trentennale di “Every good boy deserves fudge”, infatti, risale al 2019 l’ultima pubblicazione di materiale ufficiale, l’Ep “Morning in America”) tornano i Mudhoney

Still No One -This is fuel

Still No One -This is fuel: esordio discografico sulla lunga distanza per i trevigiani Still No One dal titolo “ This is fuel”, autoprodotto.

Casual Boots – Casual Boots

Casual Boots: a comporre questo ep fresco di uscita ci pensano quattro pezzi: l’agrodolce Flowers and Raindrops, la smithsiana Lost Things, la fiammata punk di Attitude (il mio brano preferito del lotto) e gli echi degli Housemartins  contenuti in Empty Room.

Memoriam – Rise to power

Atteso ritorno dei Memoriam, il gruppo death metal fondato dal cantante Karl Willetts ex dei Bolt Thrower  da Frank Healy bassista dei Benediction ed ex chitarrista dei Napalm Death, insomma la crema del death metal, coadiuvati molto bene da Scott Fairfax alle chitarre e Spike T. Smith alla batteria.