Occult Burial – Hideous Obscure

Occult Burial – Hideous Obscure

Da Ottawa un fantastico debutto a base di heavy e speed metal in purissimo stile anni ottanta.

Questo disco farà la gioia di Fenriz, il deus ex machina dei Darkthrone, poiché è quanto di più ottantiano possiate trovare in giro. Sono già passati trenta anni da quel magico periodo che nel metal ha dato molta gloria a molte band. Il suono di quegli anni, come di questo disco, è grezzo eppure caldissimo, un vero piacere per le teste metalliche là fuori. Questi canadesi fanno tutto alla perfezione, sia come grafica, sia come musica. Dopo tre demo e la partecipazione ad una compilation dal titolo Evil Spells, Volume, 1 ecco questo folgorante debutto che colpisce al cuore i nostalgici ma non solo. Il disco è davvero piacevole e ben suonato, fatto con il cuore e tanta passione, per continuare una tradizione che non muore mai, quella del vero metallo. Meglio di tante parole farà l’ascolto di questi canadesi.

TRACKLIST
1. Intro
2. Blasted Death
3. Black Adoration
4. Jackal Head
5. Ancient Returns
6. A Witch Shall Be Born (Daughter Of Darkness)
7. Hades Son
8. Hideous Obscure
9. Occult Burial

LINE-UP
Dan Lee : Drums.
Dan McLoud :Guitars.
Joël Thomas :Vocals, Bass.

INVICTUS – Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Madhouse – Secret antithesis

Terzo disco per i Madhouse capitanati dalla cantante cantante Federica Tringali e dal chitarrista Filippo Anfossi, il titolo è ” Secret antithesis” ed esce per Nadir Music. La proposta musicale dei Madhouse è un metal moderno e fresco, con rimandi gotici in alcuni passaggi.

Mudhoney, ad aprile il nuovo album. Condiviso il primo singolo

Dopo un silenzio discografico durato quattro anni (escludendo split singles e la ristampa espansa del 2021 per il trentennale di “Every good boy deserves fudge”, infatti, risale al 2019 l’ultima pubblicazione di materiale ufficiale, l’Ep “Morning in America”) tornano i Mudhoney

Still No One -This is fuel

Still No One -This is fuel: esordio discografico sulla lunga distanza per i trevigiani Still No One dal titolo “ This is fuel”, autoprodotto.

Casual Boots – Casual Boots

Casual Boots: a comporre questo ep fresco di uscita ci pensano quattro pezzi: l’agrodolce Flowers and Raindrops, la smithsiana Lost Things, la fiammata punk di Attitude (il mio brano preferito del lotto) e gli echi degli Housemartins  contenuti in Empty Room.