Nicodemo – Viola

Nicodemo – Viola

Si potrebbe però tranquillamente inserire nella new wave italiana, quella linea sbilenca che parte dai fine settanta fino ad arrivare ai giorni nostri inglobando molte cose e molti stili. Infatti come ospiti in questo disco troviamo Garbo, Andy dei Bluvertigo, Francesco Di Bella dei 24 Grana tra gli altri, Viola è un disco che parla dell’angoscia di vivere questa vita moderna, questo vuoto riempito dall’ansia di tecnologia e di futuro da vivere, perdendo la cognizione del presente.
Nicodemo è un cantautore, le sue canzoni sono quasi poesie sussurrate, su di un impianto musicale elettronico e molto oscuro. Fate un viaggio con la mente e portatevi negli anni ottanta, le coordinate sonore sono quelle di Garbo e Depeche Mode e mischiatele con la certezza attuale di aver perso tutte le battaglie. Ecco Nicodemo. In più i testi sono scritti con grande intelligenza ed originalità. Nicodemo si è fatto le ossa suonando in diverse band del sottobosco musicale italiano, ed ora è direttore artistico di Studio 35 Live, un programma tv-web dedicato alla musica underground.
“Alla vigilia del voto tutti vegani, poi senza pietà spezie nei cinghiali”.

Tracklist:
1 Legionari
2 Viola
3 Un grande Natale
4 Almeno con la mente
5 Tutti a teatro
6 Nell’aria
7 Grida
8 Madre
9 Inverno

Line – up :
Nicodemo – Vox, Basso
Gaetano Maiorano – Chitarre
Luca Urbani – Synth, Programmazioni elettroniche
Alessandro De Marino – Synth, Clarinetto
Camillo Mascolo – Batteria

NICODEMO – Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Memoriam – Rise to power

Atteso ritorno dei Memoriam, il gruppo death metal fondato dal cantante Karl Willetts ex dei Bolt Thrower  da Frank Healy bassista dei Benediction ed ex chitarrista dei Napalm Death, insomma la crema del death metal, coadiuvati molto bene da Scott Fairfax alle chitarre e Spike T. Smith alla batteria.

Cosa resta del duemilaventidue

  Un altro anno se n’è andato, portandosi dietro le scorie di dodici mesi costantemente vissuti al di sotto delle nostre possibilità, castrati da un contesto sociale che non riusciamo a modificare in alcun modo. I sogni anche per questa volta sono rimasti tali, immutati

Tropical Fuck Storm - Submersive Behaviour_cover

Tropical Fuck Storm – Submersive Behaviour

È qui e richiede attenzione, perché i Tropical Fuck Storm hanno dimostrato più volte di saper far bene, di saper maneggiare il rock (alternativo, indie, noise, quello che volete) meglio di tanti altri – ma direi di quasi tutti.

Luca Ottonelli

Luca Ottonelli. E’ nato a Genova nel 1969 e ho completato i primi studi artistici avendo come maestro di Figura G. Fasce.