My Home On Tree – How I Reached Home

Un esordio che li porterà molto in alto, e che renderà molto belle alcune delle vostre ore di malati di musica.

My Home On Tree – How I Reached Home

Groove anni settanta, fuzz, tanta grinta ed un impasto sonoro davvero unico per l’esordio di questo giovane gruppo di Milano.

Le atmosfere sono dolcemente occulte, caricate di furore quando serve, ma sempre nell’alveo della psichedelia pesante.
La voce di Laura Mancini è un qualcosa che raramente si trova a queste latitudini e rappresenta un vero valore aggiunto al tutto.
I My Home On Trees nonostante siano al debutto hanno le carte giuste per potersela giocare con tutti, anzi hanno vanno decisamente oltre la media.
Il loro disco è assai più godibile di tante altre uscite ben più pubblicizzate e con nomi altisonanti.
Il suono è vintage il giusto, anche perchè la composizione dei pezzi è sul doom andante, con giri stoner, ma sempre tenendosi in quota Black Sabbath, aggiungendo una buona dose di originalità.
How I Reached Home è il classico disco che coinvolge e lascia piacevolmente stonati, come dovrebbe essere questa musica, in parte mistero ed in parte dolcezza come la neve sotto i vestiti.
Un esordio che li porterà molto in alto, e che renderà molto belle alcune delle vostre ore di malati di musica.

Tracklist:
1. Winter ( Feat. Steve Moss )
2. I Forgot Everything
3. Don’t Panic
4. War Of The Worlds
5. Arrow
6. Resume
7. My Home On Trees

Line-up:
Laura Mancini – Voce
Marco Bertucci – Chitarra
Giovanni Mastropasqua – Basso
Marcello Modica – Batteria

MY HOME ON TREES – Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Death Mantra For Lazarus – DMFL

Sussurri musicali dettati da una grande tecnica musicale accompagnata da una capacità compositiva superiore, per un lavoro tutto da ascoltare, scoprire ed amare, per chi ama immergersi nella dolce tempesta dei Death Mantra For Lazarus.

AA VV – BOMB YOUR BRAIN Vol. 2

Secondo capitolo per la compilation “Bomb Your Brain“, ancora una volta concepita e pubblicata, sempre in cinquecento copie, dalla piccola e coraggiosa etichetta indipendente francese Pigmé Records. Stessa formula del primo volume, una succosa e urticante raccolta (a questo giro con la didascalia che recita:

THE FUZZTONES live a POGGIBONSI (Si)

THE FUZZTONES live: Sul palco i Fuzztones, gruppo storico garage rock statunitense, il cui nome è stato ispirato dall’effetto di distorsione fuzz tone appunto, inventato nel 1962 e che sentiamo sempre in Satisfaction dei Rolling Stones.

South Sardinian Scum - Switch the Driver

South Sardinian Scum – Switch the Driver

I South Sardinian Scum non si inventano un cazzo, e neanche vogliono farlo, si limitano a suonare ciò che gli piace e lo fanno con la voluttà di chi sta compiendo una missione per conto di un dio minore e perdente, se non vi basta fatevi un bell’ aperitivo in un bar fighetto con della tech house di sottofondo sperando che il cocktail di merda che vi sarà servito vi vada per traverso.