iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Moon Zero – Moon Zero

Il disco ci fa scoprire definitivamente un artista fra i migliori in campo ambient, che riesce a dare alla sua visione musicale potenza e dolcezza contemporaneamente.

Moon Zero – Moon Zero

Secondo disco per il progetto ambient del produttore e compositore inglese Tim Garratt. In questo disco Garrattt sviluppa il discorso iniziato con i suoi precedenti ep.

La sua musica è un porre domande, dipingere situazioni ombrose ed incerte, tagliare con il rasoio di Ockham per avere davanti a sé un’opera volutamente non finita.
I droni, i giri infiniti e dilatati sono la porta per sentire la realtà con un’altra frequenza cercando di capire e non solo di ascoltare.
Infatti le canzoni di Moon Zero si possono ascoltare su diversi livelli, dal primo, più fisico, a quello più etereo e malinconico.
Le su influenze per questo disco sono state soprattutto William Basinski, Swans, Messiaen, Stars Of The Lid ed ovviamente Brian Eno.
Il disco ci fa scoprire definitivamente un artista fra i migliori in campo ambient, che riesce a dare alla sua visione musicale potenza e dolcezza contemporaneamente.
Registrato nella chiesa di St. George In The East di Shadwell a Londra, e tutto il lavoro è impreganto di domande religiose, ma anche e soprattutto del tentativo di armonizzare antico e moderno, trovando l’incontro in una musica che musica non è ma respiro vitale.
Grande ispirazione gli è infine arrivata anche dalla storia del Tamigi, portatore di soldi, dati e tanto altro.
Tutto rigorosamente analogico.

Tracklist:
1. Expanding Into The Time We Have
2. The Solipsist
3. Heritage Guilt
4. A Bevan Rotation
5. Nauru

MOON ZERO – Facebook

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Bineural – Bineural ep

Bineural – Bineural ep:Questo ep omonimo è una danza in fallace equilibrio sull’orlo dell’abisso che viviamo ogni giorno, ordinato e matematico caos musicale, felice libertà senza vincoli, come la musica dovrebbe essere.

Intervista Tarantola

Intervista con Mauro Locandia fondatore dei Tarantola, reggae in combination Londra e Salento, con il singolo “Original terron” scirtto e prodotto a quattro mani con Sabaman.