Moon Zero – Moon Zero

Moon Zero – Moon Zero

Il disco ci fa scoprire definitivamente un artista fra i migliori in campo ambient, che riesce a dare alla sua visione musicale potenza e dolcezza contemporaneamente.

Secondo disco per il progetto ambient del produttore e compositore inglese Tim Garratt. In questo disco Garrattt sviluppa il discorso iniziato con i suoi precedenti ep.

La sua musica è un porre domande, dipingere situazioni ombrose ed incerte, tagliare con il rasoio di Ockham per avere davanti a sé un’opera volutamente non finita.
I droni, i giri infiniti e dilatati sono la porta per sentire la realtà con un’altra frequenza cercando di capire e non solo di ascoltare.
Infatti le canzoni di Moon Zero si possono ascoltare su diversi livelli, dal primo, più fisico, a quello più etereo e malinconico.
Le su influenze per questo disco sono state soprattutto William Basinski, Swans, Messiaen, Stars Of The Lid ed ovviamente Brian Eno.
Il disco ci fa scoprire definitivamente un artista fra i migliori in campo ambient, che riesce a dare alla sua visione musicale potenza e dolcezza contemporaneamente.
Registrato nella chiesa di St. George In The East di Shadwell a Londra, e tutto il lavoro è impreganto di domande religiose, ma anche e soprattutto del tentativo di armonizzare antico e moderno, trovando l’incontro in una musica che musica non è ma respiro vitale.
Grande ispirazione gli è infine arrivata anche dalla storia del Tamigi, portatore di soldi, dati e tanto altro.
Tutto rigorosamente analogico.

Tracklist:
1. Expanding Into The Time We Have
2. The Solipsist
3. Heritage Guilt
4. A Bevan Rotation
5. Nauru

MOON ZERO – Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

The HangeeS - Heading Back to the Good Valley

The HangeeS – Heading Back to the Good Valley

Stavo ascoltando i Monks, e a rifletterci mi sorge spontaneo un dubbio: cosa avrebbe pensato se invece dei monaci ci fossero stati sul piatto gli HangeeS con il loro nuovo disco la cui data di pubblicazione è il 2022?

RIBBON STAGE – HIT WITH THE MOST

Avevamo già parlato, l’anno scorso, delle Ribbon Stage, terzetto newyorchese a trazione femminile (“Anni Hilator” al basso e voce e “Jolie M-A” alla chitarra e cori, coadiuvate da Mari Softie alla batteria) autore di un indie/noise pop che profuma deliziosamente di (altri) anni Ottanta, quelli di compilation come “C86”, e che avrebbe fatto la fortuna di etichette come la Sarah Records.