dal 1999

Recensione : Marcus Fjellstrom – Epilogue – M –

E' con questo ep dello svedese Marcus Fjellstrom che viene inaugurata la serie Rev. Lab. della Aagoo Records. Il disco, nuovo capitolo dopo gli interessanti album “Gebrauchsmusik” e “Library Music 1”, si compone di sei brani dalle tinte cupe e claustrofobiche.

Marcus Fjellstrom – Epilogue – M –

L’ipnotico incedere ritmico di Dance Music 3 ci accompagna su sentieri pericolosi e inquietanti, introducendo i sei minuti di urgente e dilatata oscurità di Puretos (attraversati da echi industrial) e gli altrettanti sei minuti della sinuosa, nera e malsana Sinnesloschen. Penrosum, in quarta posizione, prosegue su territori mortiferi, sfiorando con i suoi fantasmi sonori, mentre , affondando il coltello in una desolata malinconia, lascia spazio al sound crepuscolare e delicato della conclusiva Pristine.

Con questi sei nuovi brani Marcus Fjellstrom conferma quanto di buono già fatto in passato. Epilogue -M- si dimostra essere un valido e affascinante lavoro ambient in grado di esplorare territori scuri e desolati. Un disco interessante, maggiormente indicato agli ascoltatori più esperti.

Tracklist:
01. Dance Music 3
02. Puretos
03. Sinnesloschen
04. Penrosum
05. Explicator
06. Pristine

Line-up:
Marcus Fjellstrom

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Martin Eden di Jack London

Martin Eden Jack London

Martin Eden scritto da Jack London: un giovane marinaio di origini umili si innamora di una ragazza della borghesia. Per conquistarla, si impegna a diventare uno scrittore, ma il successo gli porterà solo disillusione e dolore.

Deth Kaktus – Prick

I Deth Kaktus sono un gruppo originale, potente e molto molto divertente con canzoni di qualità ben al di sopra della media, per un’apocalisse divertente e rumorosa, senza tassi di interesse.

S.G.A.T.V. – S.G.A.T.V.

Nelle sonorità dei SGATV si può riconoscere e distinguere anche la geometria fredda e imperscrutabile di tanta NDW (la Svizzera è stato il paese dei grandissimi Grauzone che, ad ogni buon conto, gli SGATV hanno ascoltato e fatto tesoro)