Lord Madness – Suicidio Fallito

Lord Madness – Suicidio Fallito

Torna Lord Madness totalmente fuori controllo, e tanto meglio per noi.

Dopo Suicidio, Maddy torna per raccontarci cos’è successo dopo che la morte non l’ha voluto. Grandi strumentali e un incedere maestoso per questo rapper davvero notevole, che disco dopo disco si conferma, se non il migliore, almeno uno dei più validi rapper tricolori. Seguendo più o meno il filo del concept album, si parte da una intro che ben ci illustra cosa ci aspetta. Non finirà bene, qui si parla di pazzia, disagio, cazzi e fighe, droga e banale vita. Le basi sono molto belle, e nella traccia Like Me la produzione è del ligure N’Drew, produttore di buona qualità. In certi brani si sfiora apertamente il capolavoro, fra tutte Madycartoonia veramente incredibile, o il primo singolo Crazie. Lord Madness non è mai ovvio o scontato, mai commerciale e facile, a volte urta ma raggiunge sempre lo scopo. In pratica Lord Madness ci racconta le avventure del suo alter ego, ma è davvero un altro da se stesso, o è sempre lui ? Il viaggio è lungo e variegato, e al vostro arrivo potreste essere presi a calci, oppure raggiungere il satori ed impiccarvi ridendo. Questo disco riempirà le vostre casse, senza perdersi tanto in distinzioni fra underground e mainstream, questo è Lord Madness, categoria molto a parte . Quando ci si immerge in un disco come Suicidio Fallito bisogna capire che fondamentalmente la pazzia è un sentire comune, perché tante cose che canta Lord Madness le abbiamo vissute, magari non le abbiamo raccontate. Quindici tracce ematiche più una bonus track, Giorni Cattivi, che vi farà piangere, una sincerità da far paura, senza maschere o filtri, semplicemente Maddy.

LORD MADNESS – pagina Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

The Cogs – White Boy, White Girl

The Cogs – White Boy, White Girl: son dischi come questo che mi fanno ancora credere che qualcosa si può fare, che non tutto è finito: finché in giro ci saranno persone come i Cogs non ci si può sentire soli, isolati, incompresi; è davvero impossibile.

Intolerant - Zero Point - Extreme Chaos Records\Despise The Humans-2022

Intolerant – Zero Point

Intolerant Zero Point: Il risultato è un disco di una potenza e di una nera bellezza incredibile, una guerra combattuta schiacciando ossa e vite con macchine gigantesche guidate da negromanti che mangiano lsd e respirano fumi radioattivi.

“Non c’è ritorno” di Jim Shepard, edito da 66THAND2ND

Non c’è ritorno di Jim Shepard

Nell’introduzione a questi racconti, ha scritto: “Imparare a perdere una partita, dopotutto, non è un modo sbagliato per iniziare a imparare come perdere qualcosa di più grave. Non c’è ritorno di Jim Shepard

Brian Jonestown Massacre, nel 2023 il nuovo album: ecco i dettagli

Anton Newcombe ha annunciato di avere in programma un nuovo album per la sua creatura neopsichedelica Brian Jonestown Massacre. Il long playing si intitola “The future is your past” e vedrà la luce il 10 febbraio del prossimo anno su A Recordings, etichetta fondata dallo