iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Laguna – Inside Panopticon

"Inside Panopticon" è un Ep magnifico che potrebbe preludere all'esplosione di una supernova nel nostro panorama musicale.

Laguna – Inside Panopticon

Notevole Ep d’esordio per i siciliani Laguna alle prese con un’interpretazione molto personale della materia alternative-prog metal.

Già dalle dichiarazioni di intenti si evince la volontà di distaccarsi decisamente dai cliché del genere, attingendo ad una forma più malinconica e capace di alternare momenti di grande pathos ad improvvise quanto brevi sfuriate.
Del resto, il riferimento ad un musicista come Angelo Badalamenti e, di conseguenza, a tutto l’immaginario lynchiano relativo a Twin Peaks, aleggia su tutto il lavoro, breve ma intenso e privo di alcun momento di stanca.
Quel che troviamo nei tre brani più intro proposti dai Laguna non è solo melodia ma anche versatilità messa al servizio di composizioni capaci di emozionare non poco, sia con i passaggi chitarristici di The Host, sia con il refrain di Panopticon.
In particolare, in quest’ultimo brano, affiorano in maniera più evidente quelle interessanti pulsioni progressive che vanno ulteriormente a completare il già ampio spettro compositivo esibito dai ragazzi della provincia di Trapani. .
Inside Panopticon è un Ep magnifico che potrebbe preludere all’esplosione di una supernova nel nostro panorama musicale, sempre che qualcuno, in questa “povera patria” (citando, citando un illustre conterraneo dei Laguna), sia in grado di accorgersene …

Tracklist:
1.A Dark Lane (intro)
2.The Host
3.Aurora
4.Panopticon

Line-up:
Toti Castronovo – vocals
Gabriele Fontana – bass
Tommaso Lombardo – guitar
Domenico Messina – guitar
Gianvito Di Matteo – keyboards
Gioacchino Fulco – drums

LAGUNA – Facebook

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Amarok – Resilience

La cifra compositiva degli Amarok è piuttosto personale in quanto, rispetto al più canonico sludge doom, la band californiana non teme di rallentare i ritmi fino a sfiorare un’asfissia scongiurata dal mood atmosferico e melodico che pervade buona parte di un lavoro riuscito come Resilience.

Abysskvlt – mDzod Rum

Gli Abysskvlt, con mDzod Rum, propongono un’opera di grande spessore, sia dal punto di vista spirituale che strettamente musicale, ma non si può nascondere che tali sonorità siano principalmente rivolte a chi possiede un’indole incline alla meditazione.

Silent Vigil – Hope and Despair

Se in passato il sound traeva principalmente linfa dall’insegnamento dei Daylight Dies, tutto sommato Hope and Despair è un album che si muove in continuità con quello stile, che qui viene ulteriormente ribadito dando alla fine l’auspicato seguito, sia pure con il nuovo moniker Silent Vigil, alla brusca archiviazione degli Woccon avvenuta dieci anni fa.