iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : L.a.c.k. – Where Everything’s Gone

Una prova davvero soddisfacente per un musicista che si cimenta in un genere sicuramente non rivolto alle masse, facendolo in maniera ispirata e, soprattutto, credibile.

L.a.c.k. – Where Everything’s Gone

Un nome nuovo, L.A.C.K. (Life’s Afflictions Can Kill), si affaccia sulla scena depressive black tricolore offrendo, con questo breve ep intitolato Where Everything’s Gone, un’interpretazione del genere ortodossa e nel contempo piuttosto convincente.

Acheron, il musicista italiano che, coadiuvato da Kjiel alla voce e da Maylord alle tastiere, è il motore del progetto, mostra di prediligere il lato più malinconico ed acustico del DSBM, come si evince dal primo brano interamente strumentale, In hermetic solitude…, e dal terzo e conclusivo, Host (riuscita cover dei Nocturnal Depression), con i quali viene delineata una possibile strada da battere in futuro, inserendo in maniera cospicua elementi dark ambient in un sound che, pur se espresso con un minutaggio ridotto, pare avere le carte in regola per fare breccia nel manipolo di appassionati al genere.
Più aspra ma ugualmente efficace appare Wanderings into infinity …, rappresentazione disperata di quello che, presumibilmente, è un rapporto sentimentale che non ha la forza di colmare i molti vuoti esistenziali, tramite le consuete ed efficaci vocals straziate che si appoggiano su una struttura leggermente più ritmata.
Una prova davvero soddisfacente per un musicista che si cimenta in un genere sicuramente non rivolto alle masse, facendolo in maniera ispirata e, soprattutto, credibile, anche se valutazioni più ampie vanno per forza di cose rimandate ad una prova di durata più consistente.

Tracklist:
1 – In hermetic solitude…
2 – Wanderings into infinity…
3 – Host (Nocturnal Depression cover)

Line-up:
Acheron all instruments

Kjiel – vocals
Maylord – keyboards

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Orphean Passage – Apart

La bravura degli Orphean Passage risiede nel fare propria la lezione di chi ha codificato a suo tempo il death doom melodico per poi assemblarne i diversi stili, regalando un album come Apart struggente, melodico e, allo stesso tempo, fresco come si conviene a una band al primo passo discografico

Blazing Eternity – A Certain End of Everything

Un eccellente album come A Certain End of Everything può sorprendere solo chi non conosce i Blazing Eternity a causa del loro lungo silenzio discografico, perché sulle doti intrinseche di questa band non ci sono mai stati soverchi dubbi.

Forever Falling – The Determinism of Essence in Matter

The Determinism of Essence in Matter, nonostante i riferimenti filosofici del titolo siano suggestivi di una certa profondità concettuale, è un lavoro che penetra con un certo agio le difese dell’ascoltatore grazie a un approccio sincero, fluido e privo di artifici al funeral death doom da parte dei Forever Falling.