In Hearts Wake – Kaliyuga

kaliyuga

In Hearts Wake – Kaliyuga

In Hearts WakeTorna uno dei gruppi australiani più importanti in ambito del metal moderno.

Kaliyuga è un disco che conferma il grande impegno profuso dal gruppo in ambito ecologico, dato che il supporto fisico proviene da materiali riciclati e che hanno conteggiato tutto il dispendio energetico nel produrre il disco, financo i pranzi consumati e i chilometri percorsi, inoltre il gruppo ha supportato un programma di riforestazione nella loro nati Australia. Ma passiamo alla musica.

Gli In Hearts Wake sono un gruppo che riassume dentro di sé tutte le caratteristiche del gruppo metal moderno, nel senso che spaziano nelle sonorità più recenti del metal, dal numetal al metralcore, passando per una buona dose di elettronica e di melodia, che l’asse portante intorno al quale costruiscono il tutto.

L’album è molto vario e assai interessante, le soluzioni sonore sono differenti per ogni canzone e il tutto ha un suo disegno ben specifico che è quello di condurre l’ascoltatore sull’orlo dell’abisso, facendogli capire che manca poco all’ecocidio e che forse, e sottolineiamo il forse, c’è ancora qualche possibilità di salvezza. Dipende tutto da noi se fermare il Kaliyuga o tuffarci in esso, sancendo la nostra fine.

Kaliyuga è la fine del mondo, oltre ad essere molte altre cose come tutta la cultura vedica, ma qui è vissuto come ultimo atto di un ecocidio perpetrato da noi, un suicidio molto elaborato camuffato da edonismo e consumismo.

L’esplosività di questo disco, la forza che trasmette, e soprattutto il messaggio che porta ai più giovani lo rendono molto importante, oltre che essere un lavoro molto godibile, che conferma quanto di buono ha fatto questo gruppo e quanto farà di buono in futuro.

Il loro approccio al metal è sicuramente moderno, influenzato in maniera decisiva dai Linkin Park che sono un vero e proprio faro per molti gruppi che stanno portando avanti una concezione moderna di metal, influenzato dall’elettronica e da un certo hip hop soprattutto nel cantato.

Spesso ascoltando Kaliyuga, se si chiudono gli occhi, la voce sembra quella del compianto Chester Bannington che rimane sempre un punto di riferimento imprescindibile per gruppi come gli In Hearts Wake.

Un disco fresco e moderno, che non è solo un disco ma è molto di più, come il bellissimo sito http://thehouseofkali.com/ che ci darà informazioni sul disco come notizie importanti sull’ecologia e sul nostro stile di vita in questo Kaliyuga.

 

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Memoriam – Rise to power

Atteso ritorno dei Memoriam, il gruppo death metal fondato dal cantante Karl Willetts ex dei Bolt Thrower  da Frank Healy bassista dei Benediction ed ex chitarrista dei Napalm Death, insomma la crema del death metal, coadiuvati molto bene da Scott Fairfax alle chitarre e Spike T. Smith alla batteria.

Cosa resta del duemilaventidue

  Un altro anno se n’è andato, portandosi dietro le scorie di dodici mesi costantemente vissuti al di sotto delle nostre possibilità, castrati da un contesto sociale che non riusciamo a modificare in alcun modo. I sogni anche per questa volta sono rimasti tali, immutati

Tropical Fuck Storm - Submersive Behaviour_cover

Tropical Fuck Storm – Submersive Behaviour

È qui e richiede attenzione, perché i Tropical Fuck Storm hanno dimostrato più volte di saper far bene, di saper maneggiare il rock (alternativo, indie, noise, quello che volete) meglio di tanti altri – ma direi di quasi tutti.

Luca Ottonelli

Luca Ottonelli. E’ nato a Genova nel 1969 e ho completato i primi studi artistici avendo come maestro di Figura G. Fasce.