Jo Passed – Their Prime

Jo Passed – Their Prime

Vite acide, pensieri distorti, pomeriggi indolenti distesi ad ascoltare musica e a farsi di sostanze, Guardare fuori dalla finestra e capire che forse non uscire è l’idea migliore, basta avere un bel groove in testa, come quello proposto da Jo Passed, un gruppo indie rock che ha davvero qualcosa da dire.

Il gruppo è canadese e ci propone un rock distorto, quasi uno shoegaze acido, senza le ampie distorsioni dello shoegaze, ma con un suono nervoso e cangiante, che poi si apre con ariosi momenti psichedelici, quasi un Sgt. Pepper moderno e più stressato.

Il disco è il primo sulla lunga distanza, dopo due ep e parla di separazioni, delle immense energie disperse cercando di sopravvivere, mentre invece si potrebbe suonare e guardare il cielo, o ascoltare dischi come Their Prime in mezzo al vento. Questo lavoro possiede una dolcezza tagliente, una forza superiore, mostra in maniera adeguata e godibilissima il nostro straniamento di fronte a noi stessi.

Ci sono canzoni più veloci, pezzi psichedelici, momenti quasi ambient, escursioni nel grunge e nel brit pop, ma in realtà la musica dei Jo Passed non può essere ricondotta a nessun genere predominante. Solo soluzioni brillanti, nessun passaggio a vuoto e tanta originalità, per un lavoro che lascerà dolcemente spiazzati e contenti.

Negatività, distorsioni e acida gioia.

ETICHETTA: Sub Pop

TRACKLIST
1.Left
2.MDM
3.Glass
4.Undemo
5.Facetook
6.Repair
7.R.I.P.
8.Millennial Trash Blues
9.You, Prime
10.Sold
11.Another Nowhere
12.Places Please

LINE-UP
jo.
bella.
megan.
mac.

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Still No One -This is fuel

Still No One -This is fuel: esordio discografico sulla lunga distanza per i trevigiani Still No One dal titolo “ This is fuel”, autoprodotto.

Casual Boots – Casual Boots

Casual Boots: a comporre questo ep fresco di uscita ci pensano quattro pezzi: l’agrodolce Flowers and Raindrops, la smithsiana Lost Things, la fiammata punk di Attitude (il mio brano preferito del lotto) e gli echi degli Housemartins  contenuti in Empty Room.

Memoriam – Rise to power

Atteso ritorno dei Memoriam, il gruppo death metal fondato dal cantante Karl Willetts ex dei Bolt Thrower  da Frank Healy bassista dei Benediction ed ex chitarrista dei Napalm Death, insomma la crema del death metal, coadiuvati molto bene da Scott Fairfax alle chitarre e Spike T. Smith alla batteria.

Cosa resta del duemilaventidue

  Un altro anno se n’è andato, portandosi dietro le scorie di dodici mesi costantemente vissuti al di sotto delle nostre possibilità, castrati da un contesto sociale che non riusciamo a modificare in alcun modo. I sogni anche per questa volta sono rimasti tali, immutati