jerrinez-la corte

jerrinez-la corte

Condividi:
Share

Premessa del recensore n°1:I Jerrinez sono indubbiamente un gruppo punk.
Lo sono nell’attitudine,nel modo di porsi,nell’essere legati ad una realta’ autogestita (nel loro caso alla cascina Trochiera)e, in un certo qual modo,anche nel suono che propongono anche se questo,come tutti abbiamo ormai metabolizzato, e’ il lato meno importante del concetto.

Premessa del recensore n°2:A me piacciono i Ramones,il garage-punk piu’ rozzo e primitivo,il power-pop e tutta la musica piu’ semplice” che orecchio umano abbia potuto ascoltare dai primordi ai giorni nostri.
Esaurite queste due premesse,nel mio caso necessarie,passero’ alle mie considerazioni sugli otto pezzi che compongono questo cd.
Il primo pezzo “la lingua batte” e’ il piu’ veloce e coinciso ed e’ indubbiamente il mio preferito, il secondo “La corte” ha echi lontani della new wave meno convenzionale ed e’ un brano niente affatto disprezzabile,mentre il terzo “Bohemien” potrebbe essere
un pezzo del repertorio di un Caposela meno eccentrico e pieno di se’.
Fin qui tutto bene,non li ascolterei tutti i giorni ma i Jerrinezmi garbano non poco, sono eclettici e pure divertenti.
Ma poi si passa ai pezzi 4 e 5 “24 miles” e “Betty Boof” due canzoni mediamente lunghe piene di intrugli jazzistici fini a se stessi che fanno tanto intelletuale ma, personalmente,sono di un tedio davvero notevole.
Si torna su binari a me piu’ consoni con “The bees are running” con ritmi spezzettati che rimandano ai Primus e con “Banani” dove sembra di riascoltare i migliori Skiantos,se solo i nostri possedessero la dote della coincisione.
Il finale “Uscita Milano Certosa” e’ una lunga litania che mi annoia non poco e che, in tutta franchezza,non sono riuscito ad ascoltare fino alla fine.
Riassumendo la band ha capacita’ notevoli,fantasia e grandi possibilita’ di piacere alla stragrande maggioranza di chi legge questa ‘zine,pre quanto mi riguarda,ho alcune riserve ma,forse,non ero il piu’ adatto a recensirli.

Condividi:
Share
Il Santo
calcagnoluca31@gmail.com

Il Santo alias Luca ovvero il secondo (o il primo,fate voi) urlatore alla sbarra,a proposito tutti sul podcast ad ascoltarci.Il sopranome l'ho adottato non per motivi religiosi, ma ispirandomi al miticopersonaggio interpretato da Roger Moore nello splendido telefilm Simon Templar.MI piace ascoltare musica,leggere,il gioco del calcio,pensare con la mia testa.Mi piace il sublime e il terribile, il rock'n'roll piu' semplice ma anche un sacco di altre cose. Mi piacciono le persone che non si fanno di inutili menate per questo mi piacciono Simone e Loriana e per questo scrivo e sostengo In your eyes.

No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.