Ivo Perelman, Joe Morris, Balazs Pandi – One

E’ per volontà del sassofonista brasiliano Ivo Perelman che questo disco ha preso forma. One, infatti, nasce dall’incontro in studio, tra quest’ultimo e i due Slobber Pup Balazs Pandi e Joe Morris (i quali avevano affascinato il musicista durante una loro esibizione live). Si tratta di sei brani completamente improvvisati e costruiti su sassofono tenore, basso elettrico e batteria. Un lavoro denso di carattere e calore umano, in uscita per quell’istituzione che è ormai la Rare Noise Records.

Ivo Perelman, Joe Morris, Balazs Pandi – One 1 - fanzine

Si parte in quarta con l’attorcigliarsi di Freedom (sassofono schizofrenico, ritmiche energiche e basso non meno eccentrico) e si prosegue con il malinconico evolvere, denso di emotività scomposta in mille parti di What Love Can Lead To. Con To Remember What Never Existed, il sassofono prova a creare atmosfere meno tempestose, ma basso e batteria remano contro, pulsando e ribollendo in sottofondo, mentre il più solitario suonare della centrale One avvolge con tutta la sua personalità, lasciando spazio all’intreccio crescente di Universal Truth (estremamente disorientante la parte finale). A chiudere, invece, è lo spazio immenso disegnato dagli oltre diciassette minuti della conclusiva Stigma, di cui non si può dir altro se non che l’unica cosa da fare è perdercisi dentro infinite volte.

I tre musicisti sfornano un disco caldo ed intenso. I sei pezzi proposti, assolutamente folli e imprevedibili, non stancano mai, mostrando ad ogni nuovo ascolto una nuova sfumatura. One è un disco per veri appassionati, è innegabile, ma ha un fascino che non si può non sottolineare.

Tracklist:
01. Freedom
02. What Love Can Lead To
03. To Remember What Never Existed
04. One
05. Universal Truth
06. Stigma

Line-up:
Ivo Perelman
Joe Morris
Balazs Pandi

Avatar

Autore: Francesco Cerisola

Ho scritto per Musicboom (inutile che cerchiate il sito, non esiste più nulla, purtroppo), ho fatto alcuni mesi su Rockit e faccio parte della DreaminGorilla Records.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.