iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Indicative – Indicative

Qui c’è tanta musica di buona qualità e una tale quantità di idee che, se meglio focalizzate, potrebbero consentire in futuro alla band palermitana di ritagliarsi spazi importanti all’interno della scena alternativa.

Indicative – Indicative

Interessante esordio (che in realtà risale ad alcuni anni fa, ma che solo ora trova un’adeguata visibilità grazie all’accoppiata Qanate Records/Club Inferno) per i palermitani Indicative, alle prese con un ambizioso progetto musicale che loro stessi definiscono come rock progressivo e sperimentale.

Come si sa, certe etichette sono utili esclusivamente per fornire un’idea di massima a chi si accinge all’ascolto, e il più delle volte non riescono a cogliere davvero nel segno, ma mai come in questo caso tali definizioni appaiono adeguate ad uno stile musicale dalle molteplici sfaccettature.
Tutto ciò quindi, se da una parte rende davvero stimolante e imprevedibile l’ascolto di Indicative, dall’altra finisce per renderlo in certi frangenti poco omogeneo e di ostica assimilazione.
Le cose migliori, e in fondo non è una sorpresa, emergono quando il sound si snoda in maniera più lineare, svincolato dalle complesse strutture che contraddistinguono invece alcuni brani; in effetti il solo ascolto delle prime due tracce si rivela sufficientemente esplicativo al riguardo: mentre Watt 69 è un brano progressive, nel senso più autentico del termine, grazie al suo flusso sonoro in costante divenire, la successiva Elastic pare trafugata da qualche archivio nel quale Fripp aveva nascosto i brani esclusi da “Larks’ Tongues In Aspic”.
Il riferimento in questo caso è talmente evidente da non poter essere equivocato e comunque il quartetto siciliano se la cava invero piuttosto bene in questi frangenti crimsoniani, che peraltro ritroviamo anche nella successiva Why? Because… e nella conclusiva St. Anthony’s Fire (inclusa la sua lunghissima coda ambient); l’unico problema che può comportare questa scelta è quello di andarsi a confrontare con un modello particolarmente ingombrante anche se bisogna ammettere che l’operazione va in porto senza eccessivi danni collaterali …
Detto questo, il disco è davvero ricco di momenti di grande pregio, che si evidenziano in particolare nella poliedricità di Sospeso, nelle sfumature stoner di Wolfsong e nel magnifico crescendo di Tutto.
Gli Indicative hanno scelto una strada tutt’altro che agevole per trasmettere le proprie emozioni agli ascoltatori, ma non è solo per questo motivo che meritano il dovuto supporto: qui c’è tanta musica di buona qualità e una tale quantità di idee che, se meglio focalizzate, potrebbero consentire in futuro alla band palermitana di ritagliarsi spazi importanti all’interno della scena alternativa.

Tracklist :
1. Watt69
2. Elastic
3. Why? Because…
4. Sospeso
5. An Indicative Experience
6. Tuning
7. Wolfsong
8. Tutto
9. St. Anthony’s Fire

Line-up :
Betto – bass
Giancarlo – guitar
Emanuele – guitar
Pit – drums

INDICATIVE – pagina Facebook

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Noctu – Super Illius Specula

Super Illius Specula è probabilmente il punto più alto raggiunto finora da un musicista come Noctu, in grado di offrire oggi un doom estremo tra i più avvincenti e, allo stesso tempo, meno scontati in ambito nazionale.

Angmodnes – Rot of the Soul

Rot of the Soul è un album che conferma le qualità mostrate negli ultimi anni da parte degli Angmodnes, trattandosi di un lavoro di grande consistenza e molto curato nella sua resa sonora nonché un’esibizione di spiccata creatività compositiva, sintomatica del desiderio da parte della band olandese di non appiattire il proprio sound sulle posizioni già acquisite.

Post Luctum – Seasons Greavings

Se dal punto di vista musicale l’ep risulta davvero efficace e vario, avvicinandosi in certi frangenti ai mai abbastanza lodati Daylight Dies, fondamentalmente appare più ritmato e incalzante rispetto ai quanto offerto dai Post Luctum nei due ottimi full length realizzati in precedenza.