Hybridation – Chapter 1

Hybridation – Chapter 1

Da Alessandria arriva questo album che è un’epifania, una rielaborazione a tratti geniale di suoni e rumori, con una melodia immensa come corrente sotterranea.

Ci si muove nei meandri dell’elettronica e dei computer, eppure si può sentire un cuore che batte in maniera tangibile, all’inizio come suggerito dal nome, la musica potrebbe sembrare fredda in realtà è molto calda e piena di speranza, come fosse la colonna sonora di un film di Miyazaki, dove comunque la speranza in qualcosa di migliore c’è.

E qui funziona così, si va nel futuro per ricercare qualcosa che è dentro di noi, si descrivono emozioni attraverso canzoni mai banali, e Chapter 1 è un disco illuminato, a un certo punto i nostri occhi si chiudono e si parte, e quando il disco è finito si ha un malessere fisico, come se si fosse allontanati bruscamente dalla propria placenta. Le ispirazioni sono molte, e questa musica potrebbe essere definita musica classica contemporanea.

In alcuni momenti ricorda l’Alcest maggiormente bucolico e neo classico, ma è davvero dura fare riferimenti, anche perché ce ne sono davvero troppi, poiché questa è una musica che ha attraversato molte ere come un fluido, e dora la possiamo trovare in questo disco. Il tempo viene sospeso e ci si trova in quello stato d’animo da satori di quando si finisce un videogioco e si è e basta, con musica adatta al momento.

Inoltre è molto presente ed importante la sperimentazione, il gruppo ricerca con forza e saggezza e non si vede la fine di questa sperimentazione.

In netta direzione contraria rispetto a questa buia poca, la musica qui a volte è sussurrata, come se fosse su di un altare e intorno non ci fosse nulla di importante, come dovrebbe essere. Penso che questo magnifico disco, così diverso dalle nostre cementate e cieche sicurezze musicali, sarebbe piaciuto molto a Capitan Harlock durante le sue peregrinazioni spaziali, perché è dallo spazio esteriore ed interiore che viene questo disco.

TRACKLIST
1.A NEW BEGINNING
2.ANGEL
3.RUN AWAY
4.TIME
5.AUTUMN LEAVES
6.MEMORIES

LINE-UP
Jole Cundari – Piano / Keyboards – Synth / Voice – Choirs
Paul Melotto – Guitar / Synth / Voice – Choirs
Dado Secchi – Double Bass / Electric double bass
Marco Campagna – Acoustic drums / Digital drums

URL Facebook
https://www.facebook.com/hybridation/

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Still No One -This is fuel

Still No One -This is fuel: esordio discografico sulla lunga distanza per i trevigiani Still No One dal titolo “ This is fuel”, autoprodotto.

Casual Boots – Casual Boots

Casual Boots: a comporre questo ep fresco di uscita ci pensano quattro pezzi: l’agrodolce Flowers and Raindrops, la smithsiana Lost Things, la fiammata punk di Attitude (il mio brano preferito del lotto) e gli echi degli Housemartins  contenuti in Empty Room.

Memoriam – Rise to power

Atteso ritorno dei Memoriam, il gruppo death metal fondato dal cantante Karl Willetts ex dei Bolt Thrower  da Frank Healy bassista dei Benediction ed ex chitarrista dei Napalm Death, insomma la crema del death metal, coadiuvati molto bene da Scott Fairfax alle chitarre e Spike T. Smith alla batteria.

Cosa resta del duemilaventidue

  Un altro anno se n’è andato, portandosi dietro le scorie di dodici mesi costantemente vissuti al di sotto delle nostre possibilità, castrati da un contesto sociale che non riusciamo a modificare in alcun modo. I sogni anche per questa volta sono rimasti tali, immutati