H – Ci – Arconeon

H – Ci – Arconeon

Elettronica ispirata e composta come un’opera jazz per Shane O’Donovan, musicista e produttore dublinese.

Le sue ispirazioni sono i grandi padri della migliore elettronica degli anni passati, come Aphex Twin, Autechre e Boards Of Canada, creatori di un freddo involucro che nasconde un cuore caldo.
Partendo da questi punti di partenza H–Ci sviluppa un’elettronica molto godibile ed ai confini dell’ambient, composta usando gli stilemi del jazz, ovvero una libertà ed una progressione musicale che non sono soliti nell’elettronica tout court.
I due strumenti che Shane usa maggiormente sono i sintetizzatori e la batteria, che sono molto presenti nelle sue canzoni, e concorrono a creare un misto di batterie elettroniche suonate dal vivo, con cristalline chitarre con tempi dilatati.
I risultati sono ottimi, e ci consegnano un disco di un produttore in forma e con idee innovative e chiare, e soprattutto un disco davvero piacevole e con ritmi lenti e distensivi, cosa molto difficile da trovare senza annoiare.

TRACKLIST
1. Spin
2. Cangy
3. H-Theory
4. Forty-Six
5. Sloth
6. Funk DYOB
7. Polymer Molecules
8. Visible Micro World
9. Junk DNA
10. MPC-P

LINE-UP
Shane O’Donovan

PSYCHONAVIGATION RECORDS – Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Still No One -This is fuel

Still No One -This is fuel: esordio discografico sulla lunga distanza per i trevigiani Still No One dal titolo “ This is fuel”, autoprodotto.

Casual Boots – Casual Boots

Casual Boots: a comporre questo ep fresco di uscita ci pensano quattro pezzi: l’agrodolce Flowers and Raindrops, la smithsiana Lost Things, la fiammata punk di Attitude (il mio brano preferito del lotto) e gli echi degli Housemartins  contenuti in Empty Room.

Memoriam – Rise to power

Atteso ritorno dei Memoriam, il gruppo death metal fondato dal cantante Karl Willetts ex dei Bolt Thrower  da Frank Healy bassista dei Benediction ed ex chitarrista dei Napalm Death, insomma la crema del death metal, coadiuvati molto bene da Scott Fairfax alle chitarre e Spike T. Smith alla batteria.

Cosa resta del duemilaventidue

  Un altro anno se n’è andato, portandosi dietro le scorie di dodici mesi costantemente vissuti al di sotto delle nostre possibilità, castrati da un contesto sociale che non riusciamo a modificare in alcun modo. I sogni anche per questa volta sono rimasti tali, immutati