iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : The Getup – What If / Ooh Ooh !

Nel lato a la possente "What If" ha un gancio micidiale, che ci riporta nella fumosa atmsofera dei bar di Harlem degli anni settanta.

The Getup – What If / Ooh Ooh !

Funk potentissimo e veramente ben suonato.
Al quarto singolo per la Breakin Bread i The Getup raggiungono davvero un livello molto alto; già nel singolo precedente “Get Lucky”, rendevano la canzone dei Daft Punk un pezzo punk impressionante.
Nel lato A la possente What If ha un gancio micidiale, che ci riporta nella fumosa atmosfera dei bar di Harlem degli anni settanta. La voce femminile si staglia su di un tappeto sonoro eccezionale: se mettete questo pezzo ad una festa in casa vostra fate attenzione, potrebbe scoppiare un degenero epocale; sono presenti anche molti spunti da campionare, per la gioia dei djs.
Lato B, come usuale per casa Breakin Bread, è uno strumentale: l’Hammond parte per le verdi praterie, dove è libero di scorazzare in lungo e in largo, il basso è sinuoso e profondo, proprio come deve essere in un gran pezzo funk; Ooh Ooh ! è sia un pezzo che può stare in sottofondo sia un pezzo che funziona benissimo da solo.
Questo singolo è un ‘anticipazione dell’album che dovrebbe uscire nella prima metà di Aprile 2014.
Attivi dal 2004 i The Getup usano un Hammond originale, incidono solo su analogico e si sente.
Le loro perfomances dal vivo hanno catturato l’attenzione della Breakin Bread ed eccoci qui, sulle cime più alte del funk.

Tracklist:
A : What If
B : Ooh Ooh !

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Intervista Michele Borgogni

Abbiamo avuto la fortuna di fare due chiacchiere con Michele Borgogni, scrittore aretino di weird, fantascienza, ma soprattutto cantore di storie belle, interessanti e che nascono spesso dal nostro quotidiano, che è già molto weird di suo.