Frana – Awkwardwards


Recensione

Undici tracce per un totale di trentasei minuti, la cui impronta Punk Rock regala devastazione allo stato puro già dalla Open track "Bet on e-era", dove chitarre metalliche si intrecciano con una linea vocale tagliente ed aggressiva.

Antena Krzyku, Vollmer Industries, Brigante Records & Productions, Hidden Hands Records, Oh! Dear Records, Violet DAM Records e Entes Anomicos, queste le etichette che si sono fatte avanti per la pubblicazione del nuovo disco dei Frana dall’impronunciabile titolo “Awkwardwards”.

Undici tracce per un totale di trentasei minuti, la cui impronta Punk Rock regala devastazione allo stato puro già dalla Open track “Bet on e-era”, dove chitarre metalliche si intrecciano con una linea vocale tagliente ed aggressiva. Un percorso che acquista corpo e struttura man mano che ci addentriamo nella parte centrale con le tracce martellanti e grintose di “Panpo, the destroyer”, Faiting goat” e Chemtrails”,sostenute in maniera egregia da una sezione ritmica tecnica e dalle figure irregolari, a sottolineare la buona tecnica dei singoli musicisti.

Il combo di Milano si concede una live battuta di arresto con le tracce “Sagrofa..safropa..saprophagous!” e “Carbon paper ghost” dove le linee melodiche vengono sporcate da un sound di chitarra crudo e ruvido.

Ovviamente è il classico esempio della calma prima della tempesta. che puntualmente riprende a macinare note musicali in modalità energica con le tracce “Ther will be cotton candy” e “Awkward words”, dove un vortice di note musicali sprigiona adrenalina allo stato puro, senza lasciare respiro.

Un finale dinamico quello che la band dei Frana ha deciso di inserire in “Awkwardwards”, proponendo “Lonely Performer” una traccia melodica il cui sound ridondante e profondo lasciano spazio piano piano alla foga e all’impetto che la band dei Frana ha ancora nelle vene, con il brano “Asimov”, crudo, ruvido, ricco di adrenalina che lascerà spazio ad un finale ancora una volta melanconico “Wrinkly hands in heavy water”.

Un album sicuramente con ottimi spunti originali ed interessanti che fanno di questa band una delle migliori sia per tecnica che per bagaglio di idee e per ultimo ma non per importanza, per la buona sinergia che permette ai ragazzi di esprimersi con un sound tecnico e per niente semplice.

Ottimo primo lavoro per i Milanesi Frana.

ETICHETTA
Antena Krzyku, Vollmer Industries, Brigante Records & Productions, Hidden Hands Records, Oh! Dear Records, Violet DAM Records,Entes Anomicos

TRACKLIST

01. Bet on e-era
02. Panpo, the destroyer
03. Fainting goat
04. Chemtrails
05. Sagrofa..safropa..saprophagous!
06. Carbon paper ghost
07. There will be cotton candy
08. Awkward words
09. Lonely performer
10. Asimov
11. Wrinkly hands in heavy water

LINE-UP
Luca
Francesco S.
Francesco B.
Michele

9 Condivisioni

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.