iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Final Words Of Sorrow – Reflection Of A Shadow

L’esordio dei greci Final Words Of Sorrow ci riporta piacevolmente indietro di qualche anno, riproponendo sonorità gothic death-doom immerse del tutto negli anno ’90.

Final Words Of Sorrow – Reflection Of A Shadow

L’esordio dei greci Final Words Of Sorrow ci riporta piacevolmente indietro di qualche anno, riproponendo sonorità gothic death-doom immerse del tutto negli anno ’90.

La band segna i proprio ingresso sulla scena con questo breve Ep di soli quattro pezzi, sufficienti comunque per intuire le notevoli potenzialità in possesso di questo giovane quintetto ateniese; Paradise Lost, Tiamat , Nightfall (tanto per restare in territorio ellenico), sono le band di riferimento che più o meno dichiaratamente emergono con più evidenza dall’ascolto di Reflection of a Shadow, anche se, in certi passaggi, mi sono balzate all’orecchio anche diverse affinità (magari non del tutto volute) con i meno noti Cemetary di “Black Vanity”.
Nulla di particolarmente innovativo, quindi, ma le tracce ci raccontano di un songwriting tutt’altro che banale, sempre ben equilibrato tra i momenti più malinconici e riflessivi e le accelerazioni che, comunque, solo in Testament of Future Death assumono un’impronta più decisa.
L’Ep, infatti, poggia quasi interamente su un più rassicurante mid-tempo, con l’opener Cold Womb a proporsi senz’altro come il brano più immediato, dall’impronta fortemente debitrice del migliore gothic-doom novantiano, e con la title-track, posta in chiusura, a mostrare il lato più oscuro e più personale del sound del combo greco.
Poco più di venti minuti che costituiscono un assaggio interessante di quello che potrebbero essere in grado di fare in futuro i Final Words Of Sorrow: la strada intrapresa è quella giusta, non ci resta quindi che attendere la loro prossima mossa, con la speranza che questo lavoro desti l’attenzione di qualche etichetta.

Tracklist:
1. Cold Womb
2. The Embrace (Her Winter)
3. Testament of Future Death
4. Reflection of a Shadow

Line-up :
Elathan Guitars (lead)
Nephthys Guitars (rhythm)
Ixion Drums
Maximillian Theodoridis Bass
Daemon Vocals

FINAL WORDS OF SORROW – Facebook

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Forever Falling – The Determinism of Essence in Matter

The Determinism of Essence in Matter, nonostante i riferimenti filosofici del titolo siano suggestivi di una certa profondità concettuale, è un lavoro che penetra con un certo agio le difese dell’ascoltatore grazie a un approccio sincero, fluido e privo di artifici al funeral death doom da parte dei Forever Falling.

Samsara – Charon’s Lullaby

I Samsara offrono tre quarti d’ora di death doom atmosferico di eccellente pregio; Charon’s Lullaby trova il suo fulcro in due lunghe tracce lungo le quali melodie struggenti si inseguono senza soluzione di continuità, sostenute da un comparto ritmico comunque robusto.