Faz Waltz Grown Up Guy

Faz Waltz Grown Up Guy

Faz Waltz Grown Up GuyMentre la scena “rock” mondiale ha perso da tempo il “roll” e va sempre più polarizzandosi tra chi abbandona quasi del tutto le chitarre e chi invece ne fa un uso virtuoso, vistoso e palloso, tornare a parlare di una band come i Faz Waltz non può farci altro che piacere.

A due anni da “Double Decker”, l’ultima fatica discografica, e a dieci da “Faz Waltz”, il loro esordio su Long Playing, il combo brianzolo sta per tornare con un nuovo lavoro e lo lancia con un bel 45 giri.

“Grown Up Guy”, lato A del dischetto, non tradisce la loro fama di glam rock’n’rollers ed amanti del British sound: i riff brevi ed efficaci e la sezione ritmica quadrata e martellante sono eredi della lezione stilistica di Who, Kinks, Marc Bolan, Slade e Oasis e si sente ed è quello che ce li fa amare sin dal loro primo Ep del 2008.

Eravamo teenager ed ora siamo “ragazzi cresciuti”, con tutte le responsabilità e gli scazzi che ne derivano, ma con i nostri sogni di rock’n’roll -citazione di Ligabue del tutto casuale, vogliate scusarci- a tenerci vivi e ricordarci chi siamo e da dove veniamo.
Il lato B, che non troveremo sul disco in uscita, “C’mon Liar” picchia più forte ed anche le liriche abbandonano i temi generalmente scanzonati e ribellistici del songwriting di Faz La Rocca e si fanno schiette ed incazzose.

Un ottimo anticipo di quello che sarà l’album in uscita e che non vediamo l’ora di ascoltare, perché i Faz Waltz si confermano ad ogni pubblicazione come una delle band più eccitanti e fiche del sottobosco rock’n’roll italiano.

Track List
1) Grown Up Guy
2) C’mon Liar

 

Etichetta Label: Spaghetty Town, Wanda Records

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Memoriam – Rise to power

Atteso ritorno dei Memoriam, il gruppo death metal fondato dal cantante Karl Willetts ex dei Bolt Thrower  da Frank Healy bassista dei Benediction ed ex chitarrista dei Napalm Death, insomma la crema del death metal, coadiuvati molto bene da Scott Fairfax alle chitarre e Spike T. Smith alla batteria.

Cosa resta del duemilaventidue

  Un altro anno se n’è andato, portandosi dietro le scorie di dodici mesi costantemente vissuti al di sotto delle nostre possibilità, castrati da un contesto sociale che non riusciamo a modificare in alcun modo. I sogni anche per questa volta sono rimasti tali, immutati

Tropical Fuck Storm - Submersive Behaviour_cover

Tropical Fuck Storm – Submersive Behaviour

È qui e richiede attenzione, perché i Tropical Fuck Storm hanno dimostrato più volte di saper far bene, di saper maneggiare il rock (alternativo, indie, noise, quello che volete) meglio di tanti altri – ma direi di quasi tutti.

Luca Ottonelli

Luca Ottonelli. E’ nato a Genova nel 1969 e ho completato i primi studi artistici avendo come maestro di Figura G. Fasce.