iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Everlast – Whitey’s Ford House Of Pain

Everlast è un qualcosa di assolutamente riconoscibile e che rilascia molte endorfine, e piace a diverse tipologie di ascoltatori.

Everlast – Whitey’s Ford House Of Pain

Erik Schrody è stato ed è tuttora molte cose, molte persone risiedono dentro di lui e vengono fuori, con nomi come Everlast e Mr. Whitey Ford.

Passato dagli House Of Pain a collaborare con Santana, attraverso un’ottima carriera solista, per un musicista che ha tantissime cose da dire e ne fa ancora di più. Ascoltando questa sua ultima fatica si capisce bene perché tanta gente lo ama e lo segue sotto le sue diverse spoglie.

Qui dentro troviamo molto sentimento, sotto quella scorza dura, batte un gran cuore e le sue liriche sono sempre vere. Notevole è anche la varietà musica che questo uomo riesce sempre a mettere dentro le sue canzoni, e qui il melting pot musicale è addirittura cresciuto.

Everlast riesce a fondere insieme hip pop, blues e un pop di alta qualità, il tutto con un timbro assolutamente personale e subito riconoscibile, ed è sempre uno spettacolo. Everlast è un marchio di qualità ormai, un moderno cantastorie che dice e suona come vive, il tutto molto sentito e vicino all’ascoltatore. Ci sono tanti accadimenti in questo disco, tante diverse emozioni che vengono espresse sempre in maniera molto adeguata e con gusto. Il rapper esce quando deve uscire il rapper, c’è il coroner, e il bluesman, ed il piacione pop. Soprattutto il marchio Everlast è un qualcosa di assolutamente riconoscibile e che rilascia molte endorfine, e piace a diverse tipologie di ascoltatori.

Con questo cuore e questo timbro di voce Everlast difficilmente ci stancherà per una della più belle ed interessanti carriere musicali mai fatte.

ETICHETTA: Martyr Inc.

TRACKLIST
1 One Of Us
2 The Culling
3 It Ain’t Easy
4 The Climb (Interlude)
5 The Climb
6 Slow Your Roll featuring Aloe Blacc
7 Smokin’ & Drinkin’
8 Oooohh (I Don’t Need You) featuring Slug
9 Summer Rain (Interlude)
10 Summer Rain
11 Don’t Complain
12 Break It Down
13 Break It Down (Interlude)
14 HeartBeat
15 Dream State

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Daegonian – Through the great beyond

Daegonian – Through the great beyond:disco che scorre molto bene e che ci riporta ai fasti del symphonic death black, sottogenere prima abusato e ora quasi dimenticato, e qui siamo ai suoi massimi livelli.

Cranked! - Mr. Deathwish

Cranked! – Mr. Deathwish

I Cranked sono un gruppo di grandissimo valore e chi ama questo suono consumerà questo capolavoro dell’hardcore punk anni ottanta, atmosfere incredibili e indelebili.