iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Dot – The Next Stop

Otto pezzi che si snodano in una storia musicale deep house che vi rimarrà impressa in mente.

Dot – The Next Stop

Prima disco di lunga durata della Legotek, che affida l’onere a Dot aka Dotan Bibi, di base a Tel Aviv e il ragazzo fa un’egregia figura, strutturando il disco come fosse un dj set.

Sono otto pezzi che si snodano in una storia musicale deep house che vi rimarrà impressa in mente; ogni canzone può essere presa singolarmente, ma tutte assieme sono come dovrebbe essere un buon dj set, vibrante e ben cadenzato.
Il talento non manca a Dot, che pur non inventando nulla di nuovo, riesce a raggiungere un ottimo livello.
Viene anche ben evidenziato il carattere underground della Legotek, che è un’etichetta capace di muoversi bene nel sottosuolo.
I pezzi hanno un bel ritmo che spinge ma non troppo, le melodie sono ben marcate come da buona tradizione deep house: non è facile trovare difetti a questo esordio, quando anche la durata è ben calibrata.
Un gentile ed elegante viaggio nel mare deep house, disponibile solo in vinile.

Tracklist:
1. Close Dialogue
2. Time Stretch
3. Break Point
4. Forgotten Memories
5. Another Place
6. Got To Move
7. The Next Stop
8. Go Slowly

DOT – Facebook

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Bineural – Bineural ep

Bineural – Bineural ep:Questo ep omonimo è una danza in fallace equilibrio sull’orlo dell’abisso che viviamo ogni giorno, ordinato e matematico caos musicale, felice libertà senza vincoli, come la musica dovrebbe essere.

Intervista Tarantola

Intervista con Mauro Locandia fondatore dei Tarantola, reggae in combination Londra e Salento, con il singolo “Original terron” scirtto e prodotto a quattro mani con Sabaman.