Dollaro D’onore – Il Lungo Addio

Dollaro D’onore – Il Lungo Addio

I Dollaro D’Onore sono nati nel 2012 come una cover band delle colonne sonore dei grandi compositori italiani come Micalizzi, Morricone ed altri, dedicate agli spaghetti western.

Per tre anni sono stati una cover band, poi dal 2015 hanno cominciato ad incidere pezzi loro, ed il livello è ulteriormente salito.

Il gruppo toscano ha inventato una maniera molto personale ed originale sia nelle reinterpretazione di brani cinematografici, sia nella composizione di brani propri. Non sarebbe sbagliato parlare di prog western, perché nelle loro composizioni c’è un’atmosfera certamente tipica della bravura dei mastri italiani nel comporre colonne sonore western, e di loro ci mettono un’incredibile atmosfera musicale, I tempi si dilatano, si parte da un’ambientazione western per arrivare molto più lontano, ad un prog di chiara derivazione italiana molto influenzato dalle tastiere che sono davvero suonate bene, e sono incastonate ancora meglio all’interno del loro suono.

Il disco è davvero vario e colpisce per la profondità, perché uno si aspetterebbe un qualcosa di diverso, e che sarebbe anche più comodo per il gruppo.

Ed invece i Dollaro D’Onore tirano fuori dal cilindro un’ottima prova piena di musica come se fosse un’orchestra ed infatti loro si auto definiscono tali. Nel solco dei Calibro 35 si parte dalle covers per giungere ad un risultato molto originale e piacevole, Il lungo addio è da esplorare tutto, come se fosse una bella prateria dove correre a perdifiato. Gruppi di valore non possono limitarsi solo a rielaborare canzoni d’altri, pur facendolo in maniera molto buona, ma cercano in maniera naturale una propria via, che in questo caso è di alta qualità.

Nella loro opera i Dollaro D’ Onore sono stati aiutati dalla produzione artistica di Marco Carnesecchi, e dalla masterizzazione di Giovanni Vergari, già con Muse, Calibro 35 e Capossela.

L’orizzonte è musicale è ancora vasto per fortuna.

TRACKLIST
1 E lo chiamarono Giustizia
2 Il lungo addio
3 Il mucchio selvaggio
4 Duello al camposanto
5 L’estasi dell’oro
6 I giorni dell’ira
7 The buried gun (feat Simone Salvatori)
8 Un’oncia di piombo nel cuore
9 C’era una volta il west
10 La mano sinistra del diavolo (in memory of Bud Spencer)

LINE-UP
IL MONCO: Guitars
SENTENZA: Keyboards
CHEYENNE: Bass
CACOPOULOS: Drums
EL INDIO: Trumpet

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Still No One -This is fuel

Still No One -This is fuel: esordio discografico sulla lunga distanza per i trevigiani Still No One dal titolo “ This is fuel”, autoprodotto.

Casual Boots – Casual Boots

Casual Boots: a comporre questo ep fresco di uscita ci pensano quattro pezzi: l’agrodolce Flowers and Raindrops, la smithsiana Lost Things, la fiammata punk di Attitude (il mio brano preferito del lotto) e gli echi degli Housemartins  contenuti in Empty Room.

Memoriam – Rise to power

Atteso ritorno dei Memoriam, il gruppo death metal fondato dal cantante Karl Willetts ex dei Bolt Thrower  da Frank Healy bassista dei Benediction ed ex chitarrista dei Napalm Death, insomma la crema del death metal, coadiuvati molto bene da Scott Fairfax alle chitarre e Spike T. Smith alla batteria.

Cosa resta del duemilaventidue

  Un altro anno se n’è andato, portandosi dietro le scorie di dodici mesi costantemente vissuti al di sotto delle nostre possibilità, castrati da un contesto sociale che non riusciamo a modificare in alcun modo. I sogni anche per questa volta sono rimasti tali, immutati