Cardosanto – Pneuma

Cardosanto – Pneuma

Torna in ristampa uno dei migliori dischi indipendenti italiani degli anni duemila, precisamente del 2000. I Cardosanto sono richiusi qui dentro, in questa cascata di suoni, di melodie racchiuse in scrigni rumorosi e ferrosi, nella fantasia che c’è in questo cd.

In quegli anni vi era molto fermento in una certa frangia della musica indipendente attorno al math rock o free rock, che veniva principalmente da etichette come la Skin Graft, la Touch&Go ed altro. Quindi questo disco veniva da lì e dall’ep autoprodotto del 1997 intitolato “Cardosanto”, che già tracciava alcune traiettorie. Da queste coordinate ne viene fuori però un disco dirompente, praticamente un disco di free jazz applicato al noise. Si viaggia in luoghi lontani, seguendo la trasmissione dei Cardosanto.
L’intro è sintomatico e prepara con la giusta ansia a quello che accadrà dopo, con la splendida Worlds e, a seguire, tutte le altre perle, tra le quali la mia preferita è l’ultima L’acida ritorsione del malumore, anche se bisogna considerare tutta l’opera come un unicum, da meditare con le cuffie.
Pneuma è un passato salto nel futuro, una punta altissima della scena indipendente italiana, seguendo l’ottima tradizione di improvvisazione noise del nostro paese.
Il disco viene ristampato a seguito della riunione della band avvenuta nel 2013, e fa il punto della situazione prima di ripartire per altre concatenazioni di note.
Una ristampa che ridà il senso a questa parola, riportando nei nostri stereo un’autentica scheggia impazzita di un gruppo che può dire ancora tanto.

Tracklist:
1. Pneuma I
2. Worlds
3. Trema Blasfema
4. Pneuma II
5. Cardotrance
6. Pneuma III
7. The absurd tale of Phineas Gage
8. Pneuma IV
9. Machines, automatismas, gears
10. Camea pneumatica
11. Sospesa sul ventre
12. L’acida riotrosione del malumore

Line-up
Roberto Sassi : chitarra
Fulvio Giglio : basso
Dario Mariangeli : batteria

CARDOSANTO – Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Still No One -This is fuel

Still No One -This is fuel: esordio discografico sulla lunga distanza per i trevigiani Still No One dal titolo “ This is fuel”, autoprodotto.

Casual Boots – Casual Boots

Casual Boots: a comporre questo ep fresco di uscita ci pensano quattro pezzi: l’agrodolce Flowers and Raindrops, la smithsiana Lost Things, la fiammata punk di Attitude (il mio brano preferito del lotto) e gli echi degli Housemartins  contenuti in Empty Room.

Memoriam – Rise to power

Atteso ritorno dei Memoriam, il gruppo death metal fondato dal cantante Karl Willetts ex dei Bolt Thrower  da Frank Healy bassista dei Benediction ed ex chitarrista dei Napalm Death, insomma la crema del death metal, coadiuvati molto bene da Scott Fairfax alle chitarre e Spike T. Smith alla batteria.

Cosa resta del duemilaventidue

  Un altro anno se n’è andato, portandosi dietro le scorie di dodici mesi costantemente vissuti al di sotto delle nostre possibilità, castrati da un contesto sociale che non riusciamo a modificare in alcun modo. I sogni anche per questa volta sono rimasti tali, immutati