Blacklab – In A Bizarre Dream

Blacklab - In A Bizarre Dream

Blacklab – In A Bizarre Dream

Dopo i singoli “Dark Clouds”, 2.38 minuti di speed metal che volano via velocissimi e lo stoner/doom onirico di “Crows, Sparrows And Cats” che l’hanno anticipato, è uscito lo scorso 19 Agosto per la New Heavy Sounds “In A Bizarre Dream”, terzo album del duo doom di Osaka Blacklab, che aveva fatto registrare il suo esordio con “Under The Strawberry Moon 2.0” del 2018 e aveva proseguito con “Abyss” del 2020.

Il duo giapponese formato da Yuko Morino a voce e chitarra e Chia Shiraishi alla batteria confeziona un album in cui più di un pezzo gioca non solo su cambio di ritmo ma anche di genere.
Alle stoner metal di “Abyss” e “Last” ed ai due minuti scarsi della trasognata title track, si affiancano la suite “Evil 1″/”Evil 2”, dove da una prima parte doom che tramuta accelerando in thrash veniamo portati allo stoner della seconda, e “Cold Rain”, traccia d’apertura, in cui il doom metal vira nel finale in uno stoner non privo di una vena punk.

Se la chiusura doom/hardcore/thrash di “Collapse” è anticipata dal doom/stoner ossimoroso (nel titolo) di “Monochrome Rainbow” non si può dire che le due giapponesi siano cadute in contraddizioni ma solo in un piacevole mix di generi e cadenze ritmiche che possono dare solo più brio ad in disco.

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Still No One -This is fuel

Still No One -This is fuel: esordio discografico sulla lunga distanza per i trevigiani Still No One dal titolo “ This is fuel”, autoprodotto.

Casual Boots – Casual Boots

Casual Boots: a comporre questo ep fresco di uscita ci pensano quattro pezzi: l’agrodolce Flowers and Raindrops, la smithsiana Lost Things, la fiammata punk di Attitude (il mio brano preferito del lotto) e gli echi degli Housemartins  contenuti in Empty Room.

Memoriam – Rise to power

Atteso ritorno dei Memoriam, il gruppo death metal fondato dal cantante Karl Willetts ex dei Bolt Thrower  da Frank Healy bassista dei Benediction ed ex chitarrista dei Napalm Death, insomma la crema del death metal, coadiuvati molto bene da Scott Fairfax alle chitarre e Spike T. Smith alla batteria.

Cosa resta del duemilaventidue

  Un altro anno se n’è andato, portandosi dietro le scorie di dodici mesi costantemente vissuti al di sotto delle nostre possibilità, castrati da un contesto sociale che non riusciamo a modificare in alcun modo. I sogni anche per questa volta sono rimasti tali, immutati