iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Benjamin Siksou And The Horndogz – One Night Stand Sessions

Un solista e un gruppo che non si conoscono, una notte in studio e 2 pezzi su di un 12”, sono questi i numeri del maxi vinile in edizione limitata, primo episodio di un'idea lanciata da Uptone Records e Bad#Diez, ovvero far incontrare in studio per una notte, due gruppi.

Benjamin Siksou And The Horndogz – One Night Stand Sessions

In questo primo episodio abbiamo Benjamin Siksou, cantante soul e funk lanciato da “Nouvelle star”, l’American Idol francese, che si è poi costruito un’ ottima carriera.
Dall’altra parte abbiamo i cagnacci del funk, quei Hornodgz che rappresentano il meglio del funk transalpino e che abbiamo già recensito qui (Movin’on )
Una notte incandescente che partorisce due canzoni di grandissimo livello: la prima è Cab Calloway Flow, scritta con 8 Hands, omaggio al famoso master of ceremonies di Harlem. Qui troviamo anche due remix, ad opera di Asagaya e Jim Dunloop.
Il secondo pezzo è Lavabo di Alain Bashung, tratta dal sottovalutato album “Play Blessure” di un certo Serge Gainsbourg.
Entrambi i pezzi sono ottimi, la magnifica voce di Siksou sposa benissimo i fiati e la sapienza compositiva degli Hornodgz.
Un bel disco nato da un’ottima idea, ed è solo l’inizio.

Tracklist :
A1 Cab Calloway Flow
A2 Cab Calloway Flow – Asagaya remix –
A3 Cab Calloway Flow – Dunloop remix –
B2 Lavabo instro
B3 Lavabo instro
B4 Cab Calloway instro

ONE NIGHT STAND SESSIONS – Facebook

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Intervista Michele Borgogni

Abbiamo avuto la fortuna di fare due chiacchiere con Michele Borgogni, scrittore aretino di weird, fantascienza, ma soprattutto cantore di storie belle, interessanti e che nascono spesso dal nostro quotidiano, che è già molto weird di suo.