Artisti Vari – Crash Of Thunder

Artisti Vari – Crash Of Thunder

Soul caldissimo, funk sporchissimo e raro, queste sono gemme che provengono direttamente dal catalogo della King Records, una mitica etichetta americana attiva dal 1943 in Cincinnati che, tra gli altri. lanciò un certo James Brown.

Dall’epoca d’oro del vinile, dove la qualità degli innumerevoli 45 giri era molto alta, arrivano queste 20 tracce, che attingono, oltre che dalla King Records, anche dagli archivi della Federal e della Deluxe, sussidiarie della casa madre. In questa compilation del 2007 ora ristampata in doppio lp, possiamo trovare praticamente tutto il meglio del soul e dell’r&b originale a stelle e strisce.
Il libretto del cd è scritto dal Dj newyorchese Mr.Fine Wine, uno specialista della materia; già alla seconda canzone in lista troviamo gli Swingin Seven, un misterioso e praticamente introvabile gruppo del Kentucky che ha pubblicato solo questo singolo, davvero molto raro.
I ritmi di questa e delle altre canzoni sono indiavolati, testimonianza di quella vena musicale della popolazione afroamericana, che ha portato ad un fiorire di gruppi soul funk molto veloci e prodotti molto bene. Colpisce anche l’eterogeneità delle band: il suono è sempre diverso, le linee vocali sono originali e colpiscono l’ascoltatore. In questo cd c’è un soul ancora ben vivo, molto più popolare e bello della maggior parte del soul odierno. Addirittura c’è Frank Howard & The Continentals con Do What You Want To Do Part 1 campionato in “Shazam” dei Beastie Boys (sapete che vi amo ragazzi bestiali) ,dall’album “To The Five Boroughs”. “Crash Of Thunder potrebbe essere tranquillamente il protagonista di un all nighter d’eccellenza. Sono brani bellissimi eppure molto oscuri e sconosciuti, figli di un’altra epoca e di un altro modo di fare e di usufruire della musica. Qui c’è ritmo, passione, sensualità e voglia di ballare, di superare gli angusti confini della propria piccola cittadina, tutto ciò grazie ad un piccolo cerchio bucato di acetato di vinile.
Let’s dance !

Tracklist:
1. Wayne Cochran / Chopper 70
2. Swinging Seven / Football
3. Lord Thunder / Thunder
4. Jeb Stuart / Soul Jerk It Baby
5. Marie Queenie Lyons / Fever
6. Marie Queenie Lyons / Your Key Won’t Fit Anymore
7. Robert Moore / Old Grandma
8. Robert Moore / Jo Ann
9. Presidents / Which Way
10. Presidents / Peter Rabbit
11. Charles Spurling / Let Me Be (A Steppin’ Soul )
12. Charles Spurling / That’s My Zone (He’s Pickin’ On)
13. Mickey Murray / I Can’t Tell You
14. Mickey Murray / Fat Gal
15. Clarence Murray / The Book Of Love
16. Peggy & Artie / How Do You Feel
17. Frank Howard & The Continentals / Do What You Wanna Do Part 1
18. Charles Spurling / That Woman
19. James Duncan / I Got It Made (In The Shade)
20. James Duncan / You’ve Got To Be Strong

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

The Cogs – White Boy, White Girl

The Cogs – White Boy, White Girl: son dischi come questo che mi fanno ancora credere che qualcosa si può fare, che non tutto è finito: finché in giro ci saranno persone come i Cogs non ci si può sentire soli, isolati, incompresi; è davvero impossibile.

Intolerant - Zero Point - Extreme Chaos Records\Despise The Humans-2022

Intolerant – Zero Point

Intolerant Zero Point: Il risultato è un disco di una potenza e di una nera bellezza incredibile, una guerra combattuta schiacciando ossa e vite con macchine gigantesche guidate da negromanti che mangiano lsd e respirano fumi radioattivi.

“Non c’è ritorno” di Jim Shepard, edito da 66THAND2ND

Non c’è ritorno di Jim Shepard

Nell’introduzione a questi racconti, ha scritto: “Imparare a perdere una partita, dopotutto, non è un modo sbagliato per iniziare a imparare come perdere qualcosa di più grave. Non c’è ritorno di Jim Shepard

Brian Jonestown Massacre, nel 2023 il nuovo album: ecco i dettagli

Anton Newcombe ha annunciato di avere in programma un nuovo album per la sua creatura neopsichedelica Brian Jonestown Massacre. Il long playing si intitola “The future is your past” e vedrà la luce il 10 febbraio del prossimo anno su A Recordings, etichetta fondata dallo