iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Arms And Sleepers – Swim Team

I beats sono notevoli e si avvicinano molto alle ultime tendenze, ma più che inseguire qualcosa gli Arms And Sleepers segnano un nuovo sentiero.

Arms And Sleepers – Swim Team

Torna il duo bostoniano Max Lewis e Mirza Ramic dopo l’acclamato “Organ Hearts” del 2011.
Il nuovo disco porta un cambio di rotta abbastanza importante, poiché ora il loro suono è maggiormente soffuso rispetto al passato.

I beats sono notevoli e si avvicinano molto alle ultime tendenze, ma più che inseguire qualcosa gli Arms And Sleepers segnano un nuovo sentiero.
Swim Team è fatto di bellissime melodie, di aperture inaspettate e dolci declivi strumentali.
In questi tre anni Lewis e Ramic sono maturati molto non accontentandosi di “Organ Hearts” ma sono progrediti notevolmente; questo nuovo disco, influenzato dalle ossessioni infantili degli anni ottanta, cattura un ampio spettro della musica elettronica e, partendo dai beats, si sviluppa in qualcosa di piacevole e tranquillizzante.
Le armonie sono sottili e rarefatte, eppure portano l’ascoltatore esattamente dove vorrebbe essere.
Ramic, che è colui che porta sul palco la loro musica, afferma che hanno voluto fare un disco più conciso e diretto al punto della questione, e penso che ci siano perfettamente riusciti.
Da ascoltare per ricordarsi che la musica può essere un sogno.

Tracklist:
1. Unbound
2. Swim Team
3. Hummingbird
4. Tiger Tempo
5. Mingus Mapps
6. Forever Only
7. Nobody More Than You
8. Ghost Loop
9. Hurry Slowly
10. Better Living Thru Chemistry
11. Tetro

ARMS AND SLEEPERS – Facebook

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Intervista Michele Borgogni

Abbiamo avuto la fortuna di fare due chiacchiere con Michele Borgogni, scrittore aretino di weird, fantascienza, ma soprattutto cantore di storie belle, interessanti e che nascono spesso dal nostro quotidiano, che è già molto weird di suo.