Api Uiz – Peplum


Recensione

Quinto album per gli Api Uiz trio Francese dislocato a Bordeaux in formazione dal 1995.

Quinto album per gli Api Uiz trio Francese dislocato a Bordeaux in formazione dal 1995. Peplum, questo il nome del nuovo lavoro, è il perfetto connubio tra Alternative Rock e spirito punk le cui atmosfere scelte riescono a dare un bel colorito a tutto il progetto.

Sei tracce il cui ritmo trascina l’ascoltatore verso un viaggio spensierato verso dimensioni folkloristiche. “Fournaise à la grenouillère”, apre queste danze dove sei minuti di strumentazione minimale riescono a dare subito un segno tangibile del buon bagaglio di idee che la band ha a sua disposizione.

Tutto molto semplice e diretto senza troppi tecnicismi, fanno di questo album un progetto originale e davvero interessante, con una punto di energia ed aggressività con l’incrontro graffiante delle chitarre sulle traccie “Stade”, “Le Grand Soir en Plein Soleil” per citarne alcune.

Gli Api Uiz non rinunciano ad intenzioni più cristalline e melodiche riuscendo così ad addolcire il suono rendendolo ancora più piacevole all’ascolto con la traccia di chiusura “Chasse à l’homme” dove rimane comunque presente una vena ruvida e energetica.

Peplum è un bel lavoro, che promuovone a pieni voti questi cinque ragazzi Francesi il cui merito stà nel fatto di ottenere un bel prodotto con l’uso minimale di idee e strumenti!

ETICHETTA: Les Potagers Natures

TRACKLIST
01. Fournaise à la grenouillère
02. Stade
03. Le Grand Soir en Plein Soleil
04. Exil
05. Et moi aussi, mais alors, avec un peu de moutarde
06. Chasse à l’homme

LINE-UP
Ian Saboya
Jorge Vega
Enrique Vega
Armelle Marcadé
Medhi Beneitez

unsubscribe

9 Condivisioni

No Comment

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.