Api Uiz – Peplum

Api Uiz – Peplum

Quinto album per gli Api Uiz trio Francese dislocato a Bordeaux in formazione dal 1995. Peplum, questo il nome del nuovo lavoro, è il perfetto connubio tra Alternative Rock e spirito punk le cui atmosfere scelte riescono a dare un bel colorito a tutto il progetto.

Sei tracce il cui ritmo trascina l’ascoltatore verso un viaggio spensierato verso dimensioni folkloristiche. “Fournaise à la grenouillère”, apre queste danze dove sei minuti di strumentazione minimale riescono a dare subito un segno tangibile del buon bagaglio di idee che la band ha a sua disposizione.

Tutto molto semplice e diretto senza troppi tecnicismi, fanno di questo album un progetto originale e davvero interessante, con una punto di energia ed aggressività con l’incrontro graffiante delle chitarre sulle traccie “Stade”, “Le Grand Soir en Plein Soleil” per citarne alcune.

Gli Api Uiz non rinunciano ad intenzioni più cristalline e melodiche riuscendo così ad addolcire il suono rendendolo ancora più piacevole all’ascolto con la traccia di chiusura “Chasse à l’homme” dove rimane comunque presente una vena ruvida e energetica.

Peplum è un bel lavoro, che promuovone a pieni voti questi cinque ragazzi Francesi il cui merito stà nel fatto di ottenere un bel prodotto con l’uso minimale di idee e strumenti!

ETICHETTA: Les Potagers Natures

TRACKLIST
01. Fournaise à la grenouillère
02. Stade
03. Le Grand Soir en Plein Soleil
04. Exil
05. Et moi aussi, mais alors, avec un peu de moutarde
06. Chasse à l’homme

LINE-UP
Ian Saboya
Jorge Vega
Enrique Vega
Armelle Marcadé
Medhi Beneitez

unsubscribe

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Memoriam – Rise to power

Atteso ritorno dei Memoriam, il gruppo death metal fondato dal cantante Karl Willetts ex dei Bolt Thrower  da Frank Healy bassista dei Benediction ed ex chitarrista dei Napalm Death, insomma la crema del death metal, coadiuvati molto bene da Scott Fairfax alle chitarre e Spike T. Smith alla batteria.

Cosa resta del duemilaventidue

  Un altro anno se n’è andato, portandosi dietro le scorie di dodici mesi costantemente vissuti al di sotto delle nostre possibilità, castrati da un contesto sociale che non riusciamo a modificare in alcun modo. I sogni anche per questa volta sono rimasti tali, immutati

Tropical Fuck Storm - Submersive Behaviour_cover

Tropical Fuck Storm – Submersive Behaviour

È qui e richiede attenzione, perché i Tropical Fuck Storm hanno dimostrato più volte di saper far bene, di saper maneggiare il rock (alternativo, indie, noise, quello che volete) meglio di tanti altri – ma direi di quasi tutti.

Luca Ottonelli

Luca Ottonelli. E’ nato a Genova nel 1969 e ho completato i primi studi artistici avendo come maestro di Figura G. Fasce.