iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Anno Senza Estate – Omonimo

Belin figeu sarà un caso che mi trovi a parlare di voi ogni volta che si avvicina o sia in pieno svolgimento l'estate? Con ciò vi riconosco quanto il vostro nome sia uno fra i più evocativi, e perché no originali, che una band si sia mai data.

Anno Senza Estate – Omonimo

Belin figeu sarà un caso che mi trovi a parlare di voi ogni volta che si avvicina o sia in pieno svolgimento l’estate? Con ciò vi riconosco quanto il vostro nome sia uno fra i più evocativi, e perché no originali, che una band si sia mai data.

Ed oltretutto – avendo avuto il privilegio di conoscervi e sentirvi – di poter garantire sulla vostra salda ed incontrovertibile attitudine. Questo vostro nuovo album contiene sei pezzi nuovi (quasi tutti) e altre sei provenienti da un precedente ep.

La mia deontologia professionale di recensore (ironia canaglia) mi impone di soffermarmi sui primi.

Il compito di aprire le danze spetta a Luna Park un bel brano di sano e robusto punk’n’roll di derivazione settantasettina, segue il più melodico Sloth ed il malinconico Facciamo che io ero.

Franco è una canzone rock’n’roll dritta per dritta come un libro di Fabio Tonetto mentre Controvento suona come un pezzo combat rock alla Gang appena convertitesi all’italico idioma e Giornata da Leoni, anche se le liriche renderebbero a smentirlo, ha un incedere indiscutibilmente ramonesiano.

Molta importanza rivestono per gli Anni Senza Estate i testi molto diretti, punteggiati di amarezza e mai banali.

Se volete una band che suoni onesta, senza troppi fronzoli ma mai trita, che comunichi allo stesso tempo gioia, speranza, disillusione e voglia di farcela nonostante tutto beh direi che la avete trovata.

 

Anno Senza Estate

Tracklist:

1. Luna park 02:41
2. Sloth 02:19
3. Facciamo che io ero 03:42
4. Franco 02:23
5. Controvento 02:46
6. Giornata da leoni 02:36

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

The Prisoners - Morning Star

The Prisoners – Morning Star

In un mondo migliore i Prisoners sarebbero stati delle star, in questo invece non è andata così e forse non era neppure nei loro piani e nelle loro intenzioni;

The Loons - Memories Have Faces

The Loons – Memories Have Faces

Troppa grazia, Sant’Antonio! Eh già! Per un devoto cultore dei suoni sixties oriented, avere la fortuna, nel giro di pochi giorni, di poter parlare di un nuovo singolo e di un nuovo intero album di sua maestà Mike Stax è davvero una benevolenza tanto inaspettata,