iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Dracula Drivers – Reborn

Dracula Drivers, che esista un saldo connubio tra il rock'n'roll che amiamo e le pellicole horror - soprattutto quelle d'antan - è cosa assolutamente assodata.

Dracula Drivers - Reborn

Dracula Drivers – Reborn

Che esista un saldo connubio tra il rock’n’roll che amiamo e le pellicole horror – soprattutto quelle d’antan – è cosa assolutamente assodata. Questa fascinazione ha portato alla creazione di un vero e proprio genere: l’horror punk, che vede come capiscuola i Misfits e i TSOL.

A questo filone si ascrivono i calabresi Dracula Drivers che nell’ultimo album oltre a ricordarci i grandi della scena, aggiungono ulteriori influenze, che rendono la proposta del gruppo molto interessante.  Che le frecce all’arco della formazione cosentina siano accuminate e sappiano colpire nel segno lo dimostrano assonanze con certo hardcore californiano (Adolescents, Social Distortion, Alley Cats su tutti) contenute in Monsters are Back, o l’anthemica Night of the Damned, il giro di chitarra misterico e ricco di pathos di Escape from Planet of the Apes, l’incedere ramonesiano di I Killed Hitler e l’esercizio alla Bad Religion di The World is Falling Down.

A chiudere il disco tre cover: Pet Sematary dei Ramones, mancoadillo!, Return of the Warlord dei Manowar e Running Free degli Iron Maiden. Ogni brano del disco viene introdotto da frammenti di dialogo tratti da film di culto. Ben registrato, ben suonato e supportato da una voce molto efficace, questo disco è un indubbiamente un ascolto molto piacevole.

Bene, bravi e (speriamo a breve) bis.

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

No Spoiler Ghosting

No Spoiler Ghosting

No Spoiler Ghosting: il punk sta bene, e pure noi godiamo di discreta salute. Come avrebbero detto i latini: ad maiora.

The Prisoners - Morning Star

The Prisoners – Morning Star

In un mondo migliore i Prisoners sarebbero stati delle star, in questo invece non è andata così e forse non era neppure nei loro piani e nelle loro intenzioni;