iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : The Prisoners – Morning Star

In un mondo migliore i Prisoners sarebbero stati delle star, in questo invece non è andata così e forse non era neppure nei loro piani e nelle loro intenzioni;

The Prisoners - Morning Star

The Prisoners – Morning Star

Inutile e superfluo dire quanto – sia per chi scrive queste righe, che per la schiera di negletti che sono solito seguirlo – possa significare un nuovo disco dei Prisoners, fosse pure per i quasi quarant’anni che lo distanziano dal suo predecessore.

Per chi è nato e cresciuto musicalmente con il garage revival, un nuovo vagito della band del Midway non può che essere una vera e propria rivelazione.

I nostri si ripresentano alla folta – ma ahimè non foltissima – schiera dei loro affezionati con quattordici pezzi che – leggermente depurati dall’irruenza degli esordi – confermano  una capacità di scrittura e di esecuzione che ha pochi pari nel mondo.

A dar fuoco alle polveri ci pensa This Road Is Too Long brano energico il cui incedere ricorda un po’ (decisamente) gli Stones di Satisfaction, lo seguono a ruota il caracollare malinconico tipicamente british di If I Had Been Drinking e Going Back che rimanda direttamente agli Who più quadrophenici, mentre Morning Star evoca struggenti ricordi. Something Better è puro hammond beat e The Green Meteor uno strumentale dal groove strabiliante, mentre Go To Him riporta il trend verso binari più volitivi (per intenderci, quelli di scuola Smoke / Small Faces). Beauty Hides The Truth dimostra quanto sia nelle corde della band lo scrivere canzoni perfette e ritengo sia la più pregnante fra quelle in scaletta, e infine, a chiudere il tutto, troviamo Hold Tight, brano molto evocativo e dalle suggestioni vagamente filmiche.

In un mondo migliore i Prisoners sarebbero stati delle star, in questo invece non è andata così e forse non era neppure nei loro piani e nelle loro intenzioni; voglio romanticamente pensare che aver, da sempre, ammaliato i cuori di chi li segue, sia per loro un’immane soddisfazione.

The Prisoners

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Dracula Drivers - Reborn

Dracula Drivers – Reborn

Dracula Drivers, che esista un saldo connubio tra il rock’n’roll che amiamo e le pellicole horror – soprattutto quelle d’antan – è cosa assolutamente assodata.

No Spoiler Ghosting

No Spoiler Ghosting

No Spoiler Ghosting: il punk sta bene, e pure noi godiamo di discreta salute. Come avrebbero detto i latini: ad maiora.