Animic – Hannibal

Animic – Hannibal

Crepuscolo di democrazie deboli e malate, dove prima suonava una falsa arpa ora ci sono sfumati canti di guerra e suadente morte. Ci siamo illusi di aver tenuto lontano da noi i barbari, salvo accorgerci con immenso ritardo che quegli stessi bruti eravamo noi, ormai stabili nei nostri formicai.

Gli Animic musicano questa decadenza, questi nuovi tramonti e sono la dolcissima colonna sonora della nostra disgregazione. Rock rallentato, atmosfere cupe, morfina che rende migliore e quasi sublime il nostro dolore. Il gruppo proveniente da Collbato arriva in gran spolvero al quinto disco, ed abbandona le arie folk per dedicarsi ad un più corposo ed oscuro rock. E’ come vedere la fine del mondo a filo d’acqua, tutto è sfocato eppure sembra bellissimo.
Gli Animic sono una bellissima realtà, e con grande maestria ci fanno vedere che il nostro sogno in realtà è sempe stato un incubo. Hannibal è un disco davvero bello e magneticamente oscuro, un fiore nero in una radura malata.

Tracklist:
1 Horse’s mane
2 The others
3 Hannibal
4 Rai blanc
5 Wooden Gun
6 El crani i la serp
7 Skeletons
8 Oraciò
9 Shoot’em up

www.bcoredisc.com

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

E’ morto Wilko Johnson

In questi ultimi sprazzi di 2022 siamo purtroppo costretti a registrare un’altra illustre dipartita nel mondo del rock ‘n’ roll. Ci ha lasciati infatti, il 21 novembre, anche Wilko Johnson, chitarrista, cantante e songwriter inglese noto per aver fondato la blues rock/r&b/pub rock band Dr.

Tre camerati di Erich Maria Remarque

Questo romanzo, pubblicato per la prima volta in Germania nel 1936, è scritto in prima persona dal punto di vista del personaggio principale, la cui visione disillusa sulla vita è dovuta alle terribili esperienze vissute nelle trincee sul fronte occidentale della Prima guerra mondiale; Tre camerati di Erich Maria Remarque, edito da Neri Pozza.