iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Andrew Quitter – Forgotten Farms

Quitter è molto bravo e riesce ad interessare sempre l'ascoltatore, arrivando a creare una vera e propria impressione di fattorie abbandonate, terre maledettte dall'uomo e dalle divinità.

Andrew Quitter – Forgotten Farms

Rumorismo ambientale dall’Oregon, captato e riproposto molto bene.
Andrew Quitter è uno come tanti, che esprime la sua rabbia suonando in gruppi thrash,
grind ed hardcore.

Poi essendo sempre stato un seguace della scena dark ambient si avvicina dal 1998 in poi alla sperimentazione sonora. Come dice giustamente nel suo sito, ogni rumore ha un’importanza, una vibrazione da cogliere.
In questo disco si collezionano suoni e droni, si aprono sinapsi per poter cogliere qualcosa di differente. Si rallenta e si entra in un’altra dimensione, quella che non può esistere eppure c’è, a pochi droni da noi.
Quitter è molto bravo e riesce ad interessare sempre l’ascoltatore, arrivando a creare una vera e propria impressione di fattorie abbandonate, terre maledette dall’uomo e dalle divinità.
Tre pezzi dark ambient molto al di sopra della media.
Le cassette sono esaurite, ma potete acquistarlo in digitale nel bandcamp della genovese Diazepam Records.

Tracklist:
1. Endless Monocultures
2. Forgotten Farms
3. Death Seed ( Contamined Harvest )

Bandcamp

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Intervista Michele Borgogni

Abbiamo avuto la fortuna di fare due chiacchiere con Michele Borgogni, scrittore aretino di weird, fantascienza, ma soprattutto cantore di storie belle, interessanti e che nascono spesso dal nostro quotidiano, che è già molto weird di suo.