dal 1999

Recensione : Alberica Sveva Simeone – The wormcave

Primo romanzo della scrittrice romana Alberica Sveva Simeone per le edizioni Plutonia Publications dello scrittore e ottimo divulgatore del fantastico con il suo podcast Plutonia Publications.

Alberica Sveva Simeone – The wormcave

Primo romanzo della scrittrice romana Alberica Sveva Simeone per le edizioni Plutonia Publications dello scrittore e ottimo divulgatore del fantastico con il suo podcast Plutonia Publications Podcast Alessandro Girola da Pregnana Milanese, con il quale ha scritto a quattro mani la bellissima novelette “ La casa sospesa sul nulla” e con il quale conduce il podcast The Lost Boys Show che potete trovare a questo indirizzo : https://lostboys.show/

“The wormcave” è un romanzo diciamo weird, e nella prefazione Girola ci dà un’ottima interpretazione del termine, con tanto horror dentro e anche un’altissima dose pop nel senso di cultura anni ottanta che è una delle passioni di Sveva, e anche di Alessandro. Eppure la definizione di weird, horror e pop non soddisfa ciò che regala questo romanzo della scrittrice romana.

La vicenda di David, che è protagonista insieme all’Uomo in Giallo, rappresenta un qualcosa che ci tocca a tutti da vicino. Quanti di noi non hanno mai voluto una possibilità di cambiare vita ? Anche solo una ? Siamo spesso insoddisfatti dalle vite che conduciamo, anche se quasi sempre i colpevoli dell’andamento siamo noi, e cerchiamo qualcosa o qualcuno che ci offra una via d’uscita, la famosa altra possibilità. Per soddisfare questo desiderio nella storia umana è arrivato di tutto, gente dal cielo e gente dal centro della terra, e spesso è andata male. Qui non va male, va peggio.

David viene trascinato in un incubo che non è davvero un incubo perché mantiene decisamente le caratteristiche della vita comune sociale, che sì spesso è un incubo ma non è questa la sede adatta per discuterne, ma è un vero e proprio inferno con i suoi gironi e i suoi demoni, i suoi succubi e i suoi dannati.

Sveva scrive un romanzo meraviglioso che ha tanti livelli di lettura diversi, dal gioco di ruolo alla cultura pop anni ottanta, dal filone “un diavolo in me” ( a proposito incredibile il rifacimento fuori concorso di Salmo a Sanremo di “Un diavolo in me”), all’horror con tinte sociali alla Stephen King o le cose più weird e anche nerd degli ultimi anni. Le pagine di “The wormcave” sono da divorare in maniera diabolica, si deve arrivare alla fine, poiché si vine presi da quella febbre di leggere che solo i romanzi scritti bene e in maniera semplice sanno dare, e Sveva scrive benissimo e con una frase dice cose che certi scrittori scrivono in un capitolo.

Come ha già ampiamente dimostrato con le sue opere precedenti Sveva possiede una scrittura forte e robusta, figlia di una grande cultura e di letture smisurate, e di una dolcezza che traspare in maniera molto nitida dai podcast e dalle bellissime chiacchierate con Alessandro Girola, con il quale sta facendo cose davvero importanti e molto vicine al pubblico, con umiltà, passione vera e tanta voglia di faticare. “The wormcave” è uno dei migliori romanzi italiani weird horror, ed è praticamente unico nella sua profondità ed unicità, essendo anche un romanzo di formazione come scrive Girola nella utilissima prefazione del libro.

Un bellissimo romanzo, che nelle tenebre mostra la luce che possiamo trovare se non ci affidiamo agli uomini in giallo, ma a noi stessi e a chi ci vuole bene. Seguite Sveva, Alessandro e la Plutonia perché stanno facendo qualcosa di unico e dal basso con passione sincera.

A chi interessa “The wormcave” è anche un gioco di ruolo di fresca uscita, chiedete ai Lost Boys.

Alberica Sveva Simeone – The wormcave

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

GRAHAM DAY AND THE GAOLERS – Reflections In The Glass

Se non ci fosse, bisognerebbe inventarlo, Graham Day: chitarrista, frontman e membro fondatore di diverse band, veterano polivalente jolly della scena garage rock revival esplosa in Inghilterra nei primi anni Ottanta (nonché collaboratore di un’altra leggenda vivente del garage rock britannico e mondiale, sua maestà/bassa

Io Capitano di Matteo Garrone

Titolo: Io Capitano Regia: Matteo Garrone Produzione: Italia/Belgio Anno: 2023 Seydou e Moussa, due giovani senegalesi, lasciano il loro Paese per raggiungere l’Europa: affronteranno il deserto, conosceranno i centri di detenzione in Libia e attraverseranno il mare. Un film su: il senso di responsabilità; la

STRIKE ANYWHERE

STRIKE ANYWHERE

Dopo più di dieci anni di attesa, tornano in Italia gli Strike Anywhere! L’iconica band melodic-hardcore punk americana sarà in concerto in Italia il prossimo 10 ottobre al Legend Club di Milano.