Adam Carpet – Adam Carpet

Adam Carpet – Adam Carpet

Manca ancora quel pizzico di pathos in più che faccia innamorare senza via di scampo, ma il risultato è sicuramente già più che buono.

Gli Adam Carpet, formazione composta da Diego Galeri (Timoria, Miura), Alessandro Deidda (Le Vibrazioni, I Cosi), Edoardo Barbosa, Giovanni Calella (Kalweit And The Spokes) e Silvia Ottanà, ritornano, a un anno esatto dalla pubblicazione digitale del loro debutto omonimo, con lo stesso disco. Questa nuova pubblicazione, però, oltre ad essere fisica, contiene due ulteriori brani.

Il sound lievemente orientaleggiante e ipnotico di Carpet, cresce fino a sbocciare completamente, introducendo il più ruvido ed elettronico muoversi di Manmasquerade (basso grasso alle spalle, ritmo incalzante, synth diffusi) e le deviazioni abbastanza impreviste di Carlabruni? (prima fondata sulla melodia, poi sul ritmo). I Pusinanti, avvolgente e sognante con i suoi synth sempre presenti, lascia spazio al breve inquietare di Human Crossing, mentre un’imprevista vena di oscurità attanaglia Baby Yar e un’irrefrenabile voglia di complicarsi abbraccia la sognante Cowgirl In The Shower. Jazz Hammerhead, tramortendo con il suo sax impazzito, apre all’incalzare cerebrale e matematico di Kroku’s Magnet Store e alla travolgente dinamica in crescendo di The Charge. L’inedita Future Teen Idol, infine, misteriosa e coinvolgente (grazie al suo intrecciarsi di synth, chitarra e batteria), cede spazio alla conclusiva Dreamcity, riuscita cover del brano dei Frigidaire Tango.

I dodici brani strumentali degli Adam Carpet si insinuano nelle nostre orecchie, trasportando in mondi lontani fatti sia di delicatezza che di improvvisi scatti nervosi. A ben vedere, forse, manca ancora quel pizzico di pathos in più che faccia innamorare senza via di scampo, ma il risultato è sicuramente già più che buono. Per quanto riguarda i due brani aggiuntivi, c’è poco da dire, sono due pezzi interessanti, ma niente che possa cambiare le sorti dell’intero album.

Tracklist:
01. Carpet
02. Manmasquerade
03. Carlabruni?
04. I Pusinanti
05. Human Crossing
06. Baby Yar
07. Cowgirl In The Shower
08. Jazz Hammerhead
09. Kroku’s Magnet Store
10. The Charge
11. Future Teen Idol
12. Dreamcity

Line-up;:
Diego Galeri
Alessandro Deidda
Edoardo Barbosa
Giovanni Calella
Silvia Ottanà

ADAM CARPET -Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Incontro d'amore in un paese in guerra di Luis Sepùlveda

Incontro d’amore in un paese in guerra di Luis Sepùlveda

Nei ventiquattro racconti contenuti in questo libro, tra le tante cose, ci verrà raccontata la notte di terrore di un ricercato politico che attende l’arrivo di uno “squadrone della morte”; Incontro d’amore in un paese in guerra di Luis Sepùlveda.

Violino Banfi – Violino Banfi

Ho conosciuto Violino Banfi su Facebook, per caso. Sempre per caso ho beccato proprio il momento esatto in cui stava per fare uscire il suo debutto su CD, questo. Per puro caso l’ho contattato per chiedergli una copia del CD e se voleva una recensione; il caso ha voluto che accettasse.

Helvete’s Kitchen File

Helvete’s Kitchen: etichetta indipendente che si è presa la briga di patrocinare e garantire per questi due favolosi dischi, ma anche per spiegare cosa sia davvero suonare, pensare e vivere a bassa risoluzione.