Acquaintances – Acquaintances

Acquaintances – Acquaintances

Il debutto degli Acquaintances si rivela essere un lavoro molto compatto e coeso.

Gli Acquaintances, band formata (quasi per caso) da un bel po’ di musicisti di rilievo (Patrick Morris dei Don Caballero, Justin Sinkovich dei The Poison Arrows, Chris Wilson dei Ted Leo And The Pharmacists, oltre a Jered Gummere e Stephen Schmidt), debuttano sulla lunga distanza con un album omonimo. Il lavoro, composto da undici brani, mette insieme le esperienze dei singoli membri, dando vita a un indie rock stratificato e ben curato.

Il via viene dato da Paramounts che, tra voce svogliata e un impianto ritmico ossessivo e ripetitivo, cede il testimone sia all’accattivante giro di chitarra (nascosto sotto i colpi di batteria, basso e altre chitarre) di Learn To Let It Go, sia alla voglia di esplorare l’oscurità della calda e feroce (a tratti) Skin. She Never Sleeps, lasciandosi guidare dagli eventi, scivola veloce con il suo ammiccante piglio pop, mentre This Night Is A Trick, anch’essa più votata alla melodia, procede leggera senza incontrare ostacoli (lasciando spazio al più dissonante e graffiante esplodere di Got It Covered e al lineare dilungarsi di Lower Your Expectations, Increase Your Odds). La successiva Bachelor’s Grove, invece, più misteriosa e pesante (colpa/merito delle distorsioni), apre al fresco ed energico scorrere di Say All The Right Things, permettendo alla morbida pigrizia di Ghosts e al più veloce procedere di Thinking We Are Done Here di chiudere.

Il debutto degli Acquaintances si rivela essere un lavoro molto compatto e coeso. I pezzi procedono nel migliore dei modi, ma forse si sarebbero rivelati più interessanti se si fosse lasciato maggior spazio alla vena pop. Se volessimo riassumere, potremmo dire di trovarci di fronte a un disco che, nonostante si muova molto bene per quanto riguarda l’utilizzo delle chitarre, non riesce ancora a mettere a segno il colpo decisivo. La speranza è che con il prossimo lavoro si sgrezzi ciò che qui non è ancora ben definito.

Tracklist:
01. Paramounts
02. Learn To Let It Go
03. Skin
04. She Never Sleeps
05. This Night Is A Trick
06. Got It Covered
07. Lower Your Expectations, Increase Your Odds
08. Bachelor’s Grove
09. Say All The Right Things
10. Ghosts
11. Thinking We Are Done Here

Line-up:
Jered Gummere
Patrick Morris
Stephen Schmidt
Justin Sinkovich
Chris Wilson

ACQUAINTANCES – Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Violino Banfi – Violino Banfi

Ho conosciuto Violino Banfi su Facebook, per caso. Sempre per caso ho beccato proprio il momento esatto in cui stava per fare uscire il suo debutto su CD, questo. Per puro caso l’ho contattato per chiedergli una copia del CD e se voleva una recensione; il caso ha voluto che accettasse.

Helvete’s Kitchen File

Helvete’s Kitchen: etichetta indipendente che si è presa la briga di patrocinare e garantire per questi due favolosi dischi, ma anche per spiegare cosa sia davvero suonare, pensare e vivere a bassa risoluzione.