iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Australasia – Notturno

Notturno, dalla prima all’ultima nota, accompagna l’ascoltatore cullandolo tra i suoi umori, spesso sognanti, ma non privi di una punta di malinconia

Australasia – Notturno

Ritroviamo gli Australasia tre anni dopo l’Ep Sin4tr4; nel frattempo sono usciti il primo full-length, Vertebra, nel 2013, e c’è stata la rivisitazione del tema di Twin Peaks lo scorso anno, a conferma della devozione di Gian Spalluto, rimasto unico titolare del gruppo, nei confronti del maestro Angelo Badalamenti.

Notturno, fin dal titolo, fa presagire suoni crepuscolari e dai colori tenui; in effetti così è, anche se Spalluto non rinuncia a rinforzare di tanto in tanto determinati passaggi con con qualche pennellata chitarristica più robusta; nel complesso, però, la matrice shoegaze prevale in maniera evidente, anche se non mancano accenni che rimandano ai Cure più atmosferici, per la precisione quelli del capolavoro Disintegration, e la prima parte di un brano splendido come Invisibile suffraga questa sensazione.
La stessa traccia, peraltro, è l’unica che vede un contributo vocale, offerto in maniera impeccabile da Mina Carlucci dei Vostok; il resto del lavoro è come di consueto strumentale, ma il marchio Australasia ha già ampiamente dimostrato di non soffrire più di tanto di una scelta che il più delle volte mi lascia, invece, perplesso.
La spiegazione sta nella bravura di Spalluto nel proporre una serie di brani sempre ben focalizzati su un’impronta melodica lieve ma efficace, che tiene alla larga passaggi cervellotici impedendo alla noia di farsi largo.
Notturno, dalla prima all’ultima nota, accompagna l’ascoltatore cullandolo tra i suoi umori, spesso sognanti, ma non privi di una punta di malinconia e sempre contraddistinti da quell’impronta cinematografica che i riferimenti a Morricone e Badalamenti mantengono in costante evidenza.
Un bellissimo lavoro, che potrebbe mettere d’accordo appassionati provenienti dai generi più disparati, a patto d’essere forniti della giusta dose di sensibilità.

Tracklist:
1. Nebula
2. Eden
3. Kern
4. Creature
5. Invisibile
6. Haxo
7. Amnesia
8. Lumen
9. Notturno

AUSTRALASIA – Facebook

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Hamferð – Men Guðs hond er sterk

Il sound della band di Tórshavn è talmente peculiare da sfuggire ad ogni tentativo di sommaria classificazione: il tutto avviene senza il ricorso a chissà quali soluzioni cervellotiche in quanto gli Hamferð mettono il loro smisurato talento al servizio di un lirismo che, oggi, è appannaggio solo di pochi eletti.

Noctu – Super Illius Specula

Super Illius Specula è probabilmente il punto più alto raggiunto finora da un musicista come Noctu, in grado di offrire oggi un doom estremo tra i più avvincenti e, allo stesso tempo, meno scontati in ambito nazionale.