Wrong – Pessimistic Outcomes

Wrong – Pessimistic Outcomes

"Pessimistic Outcomes" è un ottimo disco e rappresenta un ulteriore passo avanti per i Wrong, che vanno apprezzati per la voglia di non appiattirsi su canovacci particolarmente scontati

Secondo album per il duo spagnolo Wrong, dei quali abbiamo già avuto l’opportunità di parlare su queste pagine in occasione del loro precedente lavoro “Memories of Sorrow”.

Se il disco i questione si era rivelato già piuttosto soddisfacente, mostrando i nostri alle prese con un black metal dalle tinte piuttosto dark, che attingeva sicuramente ad una fonte di ispirazione oltremodo nobile come quella rappresentata dai Katatonia, anche in Pessimistic Outcomes i riferimenti alla seminale band svedese, con particolare predilezione per l’epoca di “Brave Murder Day”, non mancano.
In quest’occasione, però, DP e Phlegeton ammantano il loro songwriting di ulteriore oscurità, spingendo con decisione su questo versante e lasciando che la componente black resista, alla fine, quale scheletro sul quale poggiare sonorità molto dark-oriented, in ossequio al titolo dell’album.
Del resto, le tematiche trattate, che prospettano per l’umanità uno scenario fosco nel quale il pessimismo ha preso il sopravvento su qualsiasi altro tipo di sentimento (purtroppo un’ipotesi, questa, neppure poi così fantascientifica, a ben vedere … ), lasciano poco spazio a sonorità consolatorie e in ogni caso, piuttosto che ricorrere alle solite sfuriate in doppia cassa, i Wrong optano per mid-tempo che, se nei primi due ottimi brani lasciano ancora trasparire sentori della band di Anders Nyström, a partire dalla title-track guadagnano ulteriormente in varietà stilistica rivelando un vena molto più riflessiva sconfinante sovente in territori DSBM, perlomeno a livello di attitudine.
Pessimistic Outcomes, a mio avviso, è un ottimo disco e rappresenta un ulteriore passo avanti per i Wrong, che vanno apprezzati sicuramente per la voglia di non appiattirsi su canovacci particolarmente scontati; purtroppo non riesco a condividere del tutto la scelta di ricorrere, da parte di Phlegeton, ad un ringhio costantemente filtrato che, se da una parte può risultare funzionale ad esprimere un senso di distacco verso un’umanità allo sfacelo, dall’altra finisce per essere piuttosto penalizzante in quanto ad espressività.
Al netto di questo difetto il secondo disco dei Wrong rimane un ascolto davvero consigliato, magari più a chi predilige sonorità cupe e ragionate rispetto a chi apprezza il black nella sua veste più tradizionale.

Tracklist:
1. Thru the Grey Path to Nowhere
2. His Hatred Breathes
3. Pessimistic Outcomes
4. Dragging My Soul Until the Sunset
5. I Thought I’d Woken

Line-up:
Phlegeton – Vocals, Drums
DP – Guitars, Bass, Piano, Effects

WRONG – Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Incontro d'amore in un paese in guerra di Luis Sepùlveda

Incontro d’amore in un paese in guerra di Luis Sepùlveda

Nei ventiquattro racconti contenuti in questo libro, tra le tante cose, ci verrà raccontata la notte di terrore di un ricercato politico che attende l’arrivo di uno “squadrone della morte”; Incontro d’amore in un paese in guerra di Luis Sepùlveda.

Violino Banfi – Violino Banfi

Ho conosciuto Violino Banfi su Facebook, per caso. Sempre per caso ho beccato proprio il momento esatto in cui stava per fare uscire il suo debutto su CD, questo. Per puro caso l’ho contattato per chiedergli una copia del CD e se voleva una recensione; il caso ha voluto che accettasse.

Helvete’s Kitchen File

Helvete’s Kitchen: etichetta indipendente che si è presa la briga di patrocinare e garantire per questi due favolosi dischi, ma anche per spiegare cosa sia davvero suonare, pensare e vivere a bassa risoluzione.