iye-logo-light-1-250x250
Webzine dal 1999
Cerca
Close this search box.

Recensione : Woods Of Desolation – As The Stars

Terzo centro su tre dischi per gli Woods Of Desolation, ottima alternativa per chi non avesse gradito l'ammorbidimento degli ultimi Alcest.

Woods Of Desolation – As The Stars

Woods of Desolation è il progetto solista del misterioso musicista australiano D., già protagonista in passato di ottimi lavori come “Toward the Depths” (2008) e “Torn Beyond Reason” (2011)
Mantenendo la cadenza di un full-length ogni tre anni, il chitarrista del Nuovo Galles del Sud si muove sulle coordinate tracciare dal filone più atmosferico del black metal, caratterizzato da forti venature post metal. Quest’ultimo lavoro non si discosta più di tanto dai suoi predecessori, rivelandosi anch’esso ad di livello decisamente alto, grazie alla capacità mostrata da D. di conferire ad ogni brano un’aura malinconica che viene screziata da uno screaming aspro, un pò sulla falsariga degli Alcest di “Souvenirs d’un Autre Monde”.
Rispetto ai primi passi della creatura di Neige (paragonando As The Stars al recente Shelter si può notare invece come la forbice tra le due band si sia allargata a dismisura) si evidenzia la totale rinuncia alle voci pulite mentre in comune continua ad esserci il medesimo spiccato gusto melodico in grado di regalare, in ogni traccia, sprazzi atmosferici di sicuro impatto. Nonostante ciò, D. opta in quest’occasione per sonorità più ruvide, affidando esclusivamente alla sua chitarra il compito di tessere le splendide linee melodiche alle quali ci ha abituato nel corso di questi anni.
I quasi trentacinque minuti di As the Stars scorrono via così in maniera davvero eccellente, rendendo l’insieme dei brani quasi un corpo unico; probabilmente qualche purista storcerà il naso di fronte a una produzione non proprio limpidissima, con lo screaming dell’ospite Old relegato per lo più in sottofondo rispetto agli strumenti, ma a mio avviso anche questo aspetto contribuisce a mantenere intatto il fascino naif di un bellissimo disco, opera di un musicista che, a livello di talento compositivo, ha poco o nulla da invidiare a molti altri nomi ben più reclamizzati.

Tracklist:
1. Like Falling Leaves
2. Unfold
3. And If All the Stars Faded Away
4. This Autumn Light
5. Anamnesis
6. Withering Field
7. Ad Infinitum

Line-up :
D. – Guitars

Guests:
Vlad – Drums
Luke Mills – Bass
Old – Vocals

WOODS OF DESOLATION – Facebook

Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE

Urza/Calliophis – Dawn of a Lifeless Age

Calliophis e Urza uniscono le loro forze proponendo lo split album Dawn of a Lifeless Age, molto interessante oltre che di durata corposa, con ciascun gruppo a proporre due brani inediti di durata superiore ai 10 minuti e, soprattutto, di ottimo livello qualitativo.

Orphean Passage – Apart

La bravura degli Orphean Passage risiede nel fare propria la lezione di chi ha codificato a suo tempo il death doom melodico per poi assemblarne i diversi stili, regalando un album come Apart struggente, melodico e, allo stesso tempo, fresco come si conviene a una band al primo passo discografico

Blazing Eternity – A Certain End of Everything

Un eccellente album come A Certain End of Everything può sorprendere solo chi non conosce i Blazing Eternity a causa del loro lungo silenzio discografico, perché sulle doti intrinseche di questa band non ci sono mai stati soverchi dubbi.

Forever Falling – The Determinism of Essence in Matter

The Determinism of Essence in Matter, nonostante i riferimenti filosofici del titolo siano suggestivi di una certa profondità concettuale, è un lavoro che penetra con un certo agio le difese dell’ascoltatore grazie a un approccio sincero, fluido e privo di artifici al funeral death doom da parte dei Forever Falling.