Whisperz – Whisperz

Ottimo esordio omonimo dei romani Whisperz con un heavy metal dalle tinte oscure, sulle tracce dei migliori Iced Earth.

Whisperz – Whisperz

Finalmente giungono all’agognato esordio i romani Whisperz, band attiva giĂ  dal 2004, ma attraversata da innumerevoli vicissitudini che ne hanno minato l’attivitĂ  per anni, ritardando così l’inizio della loro avventura nel mercato discografico.
Così, dopo vari assestamenti di line-up, la band trova un nuovo cantante ma, soprattutto, un periodo tranquillo, durante il quale firma per la Revalve e conclude il lavoro sull’album d’esordio.
Il lavoro, in uscita nei primi mesi di quest’anno, è un gran bell’esempio di heavy metal dagli innumerevoli spunti thrash, molto tecnico e dalle atmosfere drammaticamente oscure, strutturato su un songwriting che deve molto al metal classico statunitense, a partire dai Metal Church e dagli Iced Earth, passando per i Nevermore più tecnici e atmosferici,senza la lezione della britannica vergine di ferro.
Sugli scudi in tutto il lavoro le due asce tra le mani dei bravissimi Massimiliano Maggi e Leonardo Olasio, assecondati dalla sezione ritmica, precisa come un orologio svizzero, a cura del bassista Marco Di ianni e del drummer Enrico Bagnato; due parole in più vanno spese per Flavio Falsone,vocalist di razza, bravissimo nei brani tirati, che dimostra di essere il cantante giusto per la band: la sua performance sarebbe stata da lode se in qualche frangente, quando i ritmi tendono a scemare, non risultasse un pò forzato.
L’album si apre con il riff maideniano di Mr. Nothing e ci si ritrova al cospetto di una band capace di sciorinare cavalcate metal, assoli tecnicissimi, replicati anche nella sucessiva Malicious Intent, che lascia poi spazio alla riuscitissima Violent Seeds, dove gli Iced Earth di “The Dark Saga” escono prepotentemente dai solchi di un brano notevole.
The Cage, song piĂą classica nel suo incedere, rimanda all’heavy metal maideniano, mentre un piccolo capolavoro risulta Outcast, con la sua alternanza di quiete squarciata da momenti di robusto andamento metallico e impreziosita da riusciti assoli chitarristici.
L’album risulta così un ottimo esempio di metal suonato con maestria dai Whisperz (complimenti alla Revalve per averci creduto), i quali, lasciati alle spalle i problemi del passato, avranno finalmente la possibilitĂ  di togliersi le meritate soddisfazioni.

Tracklist:
1. Mr. Nothing
2. Malicious Intent
3. Violent Seeds
4. The Cage
5. My Asylum
6. Outcast
7. Dusty Road
8. Bloody Eyes

Line-up:
Flavio Falsone – Voce
Massimiliano Maggi – Chitarra
Leonardo Olasio – Chitarra
Marco Di Ianni – Basso
Enrico Bagnato – Batteria

WHISPERZ – Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

ZAKO – I

Durante una trasferta in Toscana per motivi familiari, per chi vi scrive si è presentata una splendida opportunitĂ : quella di vedere in azione, per la prima volta dal vivo, i leggendari Fuzztones in concerto a un’oretta d’auto di distanza da dove (temporaneamente) alloggiava. Colto l’attimo,

THEE HEADCOATS – IRREGULARIS (THE GREAT HIATUS)

Neanche il tempo di recensire l’album-raccolta “Failure not success” (pubblicato col moniker Wild Billy Childish & CTMF) che arriva subito un altro Lp, nel 2023, firmato dallo stacanovista inglese Billy Childish, poliedrico menestrello di culto, che per questa release ha riesumato gli Headcoats, che tornano