Vomit Of Doom – Obey The Darkness

Vomit Of Doom – Obey The Darkness

E’ dal 2009 che, dai meandri più bui e malsani di Rio Negro (Argentina) i Vomit Of Doom portano blasfemia, distruzione e feroce satanismo in musica, un devastante black metal dai risvolti thrash, bestiale, senza compromessi e dannatamente old school.

Obey the Darkness risulta il primo lavoro sulla lunga distanza, ma la band in questi anni ha rilasciato non pochi lavori sotto forma di demo, split ed Ep (“Death Thrash Genocide” del 2012 e nel 2014 un ep che porta il titolo di questo nuovo lavoro).
Il trio sudamericano, composto da L. Warpig Venomous Abominator al drumkit e voce, Artillery Command e Endless Malevolence alle chitarre, è protagonista di un sound scarno, violento e poco incline a facili compromessi, così che il loro lavoro risulta una mazzata estrema debitrice in primis ai Venom e alle band che uniscono l’impatto nichilista del genere diabolico per antonomasia con l’irruenza del thrash metal (in questo caso di matrice europea), ed il risultato ovviamente non può che essere assolutamente evil.
Produzione vecchia scuola, assalto senza pietà al perbenismo e undici brani più bonus di metal anni ottanta, dissacratorio, putrescente e animalesco.
I fans del genere faranno capriole di giubilo all’ascolto di questo lavoro, accompagnato da una copertina che più old school di così non si può e da un’attitudine che, sinceramente sono ormai anni che si riscontra solo nelle scene sudamericane o asiatiche, poco inclini ai suoni cool e molto più radicate nei suoni metallici di stampo classico.
In effetti all’ascolto di brani dinamitardi, feroci e vomitevoli come Metal Pussy Attack, Evoked Devastation e Kill The New Messiah si torna indietro di quasi trent’anni, ed ai primi lavori di Sodom, Kreator, Slayer e appunto i padri del Black Venom, per una vecchia rimpatriata con Lucifero a cui, se si è amanti del genere, non si può rinunciare.
Album consigliato assolutamente ai soli amanti di queste sonorità, astenersi puristi e timorati.

Tracklist:
1.Haunting (Intro)
2.Perversecution
3.Conspiracy Vs the World
4.Evoked Devastation
5.Maze of Doom
6.Hablan los ya muertos (Interlude)
7.Obey the Darkness
8.Metal Pussy Attack
9.Kill the New Messiah
10.Satan’s Vengeance
11.Ultimatum (Outro)
12.Troops of Desolation (demo)
12.Into the Perdition (demo)

Line-up:
L. Warpig Venomous Abominator – Drums, Vocals
Artillery Command – Guitars
Endless Malevolence – Guitars (lead)

VOMIT OF DOOM – Facebook

Share:

Facebook
Twitter
Pinterest
LinkedIn
Get The Latest Updates

Subscribe To Our Weekly Newsletter

No spam, notifications only about new products, updates.
No Comments

Post A Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

On Key

Related Posts

Still No One -This is fuel

Still No One -This is fuel: esordio discografico sulla lunga distanza per i trevigiani Still No One dal titolo “ This is fuel”, autoprodotto.

Casual Boots – Casual Boots

Casual Boots: a comporre questo ep fresco di uscita ci pensano quattro pezzi: l’agrodolce Flowers and Raindrops, la smithsiana Lost Things, la fiammata punk di Attitude (il mio brano preferito del lotto) e gli echi degli Housemartins  contenuti in Empty Room.

Memoriam – Rise to power

Atteso ritorno dei Memoriam, il gruppo death metal fondato dal cantante Karl Willetts ex dei Bolt Thrower  da Frank Healy bassista dei Benediction ed ex chitarrista dei Napalm Death, insomma la crema del death metal, coadiuvati molto bene da Scott Fairfax alle chitarre e Spike T. Smith alla batteria.

Cosa resta del duemilaventidue

  Un altro anno se n’è andato, portandosi dietro le scorie di dodici mesi costantemente vissuti al di sotto delle nostre possibilità, castrati da un contesto sociale che non riusciamo a modificare in alcun modo. I sogni anche per questa volta sono rimasti tali, immutati